Multe salate per chi getta a terra sigarette e gomme da masticare

Il ddl “green economy” entrerà in vigore a luglio in tutte le città italiane

Saranno puniti con una multa da 30 a 150 euro i trasgressori che getteranno gomme da masticare e mozziconi di sigaretta sul suolo, nelle acque e negli scarichi. È quanto prevede l’articolo 14 octies (contenente anche le nuove disposizioni per appalti e smaltimenti) uno dei 37 collegati alla legge di stabilità 2014 e al disegno di legge sulla green economy, che entrerà in vigore da luglio 2015. L’intento di questo ddl green è molteplice: combattere l’inquinamento ambientale e contenere i costi altissimi derivanti dallo smaltimento di questi due particolari rifiuti.

Molte città italiane, grazie all’ausilio di enti pubblici o aziende private hanno già installato portaceneri e cestini pubblici in diverse zone, specie quelle più visitate e trafficate. Anche Barletta ha mosso i primi passi a favore della sensibilizzazione cittadina, ma per adesso in pochi punti e in ridotte quantità. Entro luglio perciò, sarà importante dotare la città di numerosi ed efficienti contenitori, ma soprattutto bisognerà operare un’adeguata campagna d’informazione, perché il primo passo è sempre la civilizzazione del cittadino.

Stando ai dati Ama, solo a Roma vengono spesi 5,5 milioni di euro per rimuovere le gomme dalle strade, calcolando che sono ben 15mila quelle che si attaccano sull’asfalto ogni giorno. Le gomme consumate ogni anno in Italia sono pari a 23000 tonnellate: mediamente 20 è il numero di gomme appiccicate in ogni metro quadro di strada. Un mozzicone di sigaretta, invece, contiene circa 4000 sostanze tossiche e ha un tempo di degradazione di circa 10 anni. In Italia i mozziconi gettati per strada sono circa 18 milioni. Perciò fumatori e consumatori di chewing gum sono avvisati!

Che ne pensate di questo ddl green economy?

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteMinervini e Uricchio firmano la convenzione per le professionalità nell’insegnamento sportivo
Articolo successivoIl paradosso delle “Provinciali”: campagna elettorale e battibecchi politici in un’elezione senza cittadini
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here