Moria di tartarughe ‘caretta caretta’ – La denuncia dei cittadini

10171916_779203025476867_7335444888116649314_nPurtroppo negli ultimi giorni gli spiaggiamenti di tartarughe “caretta caretta” sulle rive del nostro lungomare sono sempre più frequenti. Gli esemplari ritrovati sono di notevoli dimensioni, lesionati in più punti, probabilmente deceduti da diversi giorni e portati a riva dalle forti correnti scaturite dal maltempo. Certo questi ritrovamenti non sono sconcertanti, essendo questa specie una tartaruga di mare, ma ciò che è da appurare è la causa che ha provocato il decesso, che la maggior parte delle volte non è naturale ma strettamente collegato alla pesca o all’inquinamento (due delle principali cause della distruzione degli ecosistemi marini in tutto il mondo). Gli utenti della pagina Facebook “Cosa non va a Barletta”, nonostante il maltempo sono riusciti a postare quasi in tempo reale le foto delle tartarughe spiaggiate sia sulla litoranea Pietro Menna che su quella di levante. Un esemplare in particolare è stato rimosso e posizionato direttamente sul marciapiede probabilmente in attesa di essere recuperato da chi di dovere – pare siano stati allertati i vigili. La prontezza, le segnalazioni e le polemiche della cittadinanza non sono dunque mancate. Ora si attende la rimozione delle tartarughe e certamente una spiegazione che giustifichi gli improvvisi decessi.

fonte foto: https://www.facebook.com/groups/cosanonvaabarletta/

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteLettera aperta del sindaco Pasquale Cascella
Articolo successivoInfermieri Casa Divina Provvidenza, Fp Cgil Bat: “Prorogare tutti i contratti”
Barbara Rita Corvasce
Barbara Corvasce è nata nel 1992. Ha conseguito la maturità socio-psico-pedagogica presso l'IISS "Scipione Staffa" nel 2010 con il massimo dei voti. Attualmente è laureanda in Cultura letteraria dell'età moderna e contemporanea; da Febbraio 2014 collabora come redattrice di cultura e attualità presso la testata telematica Barletta News e ha conseguito il titolo di Giornalista Pubblicista nel Giugno 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here