Esprimiamo consenso alle parole dei Cardinali Gianfranco Ravasi e Montenegro in tema di migranti e stigmatizziamo i commenti offensivi apparsi nei social. Da insigne biblista, il Cardinale Ravasi ha citato il capitolo 25 del Vangelo di Matteo sul giudizio Universale,  che si fonda sulla carità. Tutta la dottrina cristiana, che non è  filosofia, è  incontro personale con Cristo e  si basa sull’ amore a Dio e ai fratelli. E’  evidente che un cristiano coerente non può negare soccorso  a chi versa nel bisogno, anche se migrante. Indubbiamente le politiche migratorie necessitano  di prudente regolamentazione, non essendo pensabile fare entrare in Italia chiunque, però la fermezza sia coniugata sempre  col rispetto dei diritti umani. Questa situazione non si risolve con la chiusura dei porti e  battendo i pugni, ma aiutando quelle popolazioni a vivere meglio nei loro Paesi. Troviamo poco opportuno l’atteggiamento di Matteo Salvini che, durante la campagna elettorale,  ha esibito Vangelo e rosario, ma nei fatti dimostra di ignorare, con incredibile  uno dei capitoli centrali del Vangelo, il 25 di San Matteo sul Giudizio Universale. Che Salvini voglia seguire un nuovo Vangelo apocrifo, quello secondo Matteo Salvini?

Domenico Scilipoti Isgrò

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here