Migliorato il deflusso passeggeri dei traghetti Italia-Albania dal porto di Bari

La Regione Puglia, il Consolato di Albania, l’Autorità di Sistema Portuale, la Guardia di Finanza, la dogana e la polizia di frontiera hanno messo in pratica i buoni propositi dichiarati nel tavolo dello scorso 19 giugno e i risultati si  vedono. ​La sinergia tra gli Enti coinvolti ha consentito, empiricamente, di migliorare il deflusso del traffico dei passeggeri traghetti. E ciò è dovuto soprattutto alla disponibilità e flessibilità del personale impegnato nei controlli di frontiera.
 
​La soluzione definitiva del congestionamento del porto di Bari però si avrà solo con la ripresa autunnale. Da un lato saranno avviati i lavori per l’ampliamento della infrastruttura, e dall’altro ricercato un miglioramento dell’efficienza nella gestione, eventualmente attraverso forme evolute di partenariato pubblico privato. Così come accade altrove.
 
​Parallelamente, anche mediante una intesa con la port authority di Durazzo, si regoleranno – d’intesa con gli armatori – gli slot di arrivo e partenza delle navi da e per l’Albania, al fine di limitare il rischio di congestionamento in fase di controlli di frontiera. La Regione, infine,  su impulso anche della Autorità di sistema, sottoporrà al Governo l’opportunità di ricercare un accordo intergovernativo con l’Albania che permetta di anticipare i controlli di frontiera già al momento della partenza.
 
​Insomma una sinergia che è funzionale al consolidamento di una area logistica integrata che da Napoli – attraverso i porti pugliesi e Durazzo – possa raggiungere il Mar Nero e rendere il sogno del corridoio paneuropeo 8 una meta non irraggiungibile o utopica.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here