Inaugurato il mezzo busto di Mennea il campione

È passato ormai un anno dalla prematura scomparsa di uno dei più celebri atleti barlettani, Pietro Mennea, ma la città di Barletta ha dimostrato di non essersi scordata di questo suo celebre cittadino, anzi! Molteplici le iniziative in programma per tutta la giornata del 21 marzo, tutte atte a ricordare questa importante figura.

4I Lions Club Barletta Host, da sempre dedito al sociale, ha quindi voluto organizzare un evento in occasione del quale ha donato alla cittadinanza tutta un busto raffigurante Mennea , che ha trovato posto presso la stazione di Barletta, ove si è tenuta anche l’iniziativa.

A presenziare all’evento non solo un gruppo molto numeroso di cittadini interessati, ma anche molti rappresentanti della pubblica amministrazione, tra i quali il sindaco Pasquale Cascella, il consigliere provinciale Antonucci e l’assessore Damiani in rappresentanza dell’organo provinciale, il prefetto Clara Minerva, il delegato provinciale del Coni Isidoro Alvisi nonché il governatore dei Lions Gian Maria De Marini, gradita sorpresa per i rappresentanti della sezione barlettana del Lions Club.

Ad aprire l’incontro sono stati il presidente del Lions Club Barletta Host, dott. Savino Piccolo, e il cerimoniere del Club, dott. Antonio Luzzi, che hanno ringraziato i numerosi presenti e ribadito come l’intenzione di questo piccolo ma significativo dono fosse semplicemente quella di onorare la memoria di Mennea, politico, filantropo ma soprattutto atleta di fama internazionale, come lo stesso presidente Piccolo ha voluto ricordare; “A noi piace ricordare quest’ultimo aspetto, – afferma il presidente del Club – che ci inorgoglisce come barlettani e come Lions”.

Dopo questa breve presentazione, il sindaco Cascella e il prefetto Minerva sono stati quindi invitati a scoprire il busto, ad opera del noto scultore barlettano, prof. Paolo Desario, presente anch’egli all’evento.

Il primo cittadino barlettano ha poi preso al parola, ricordando la vita e le opere di Pietro Mennea e auspicando che quella stessa grinta e forza di volontà, che un tempo animava l’atleta, animi allo stesso modo la cittadinanza tutta, impegnata nel superare ogni giorno nuove sfide. Lodata anche la scelta di posizionare la scultura all’interno della stazione, grazie al beneplacito delle Ferrovie dello Stato, luogo da cui Pietro Mennea partiva per giungere di volta in volta nei luoghi che lo hanno visto conquistare il titolo di uomo più veloce del mondo. “Questa stazione, punto di partenza dell’atleta, – commenta Cascella – vorremmo che fosse il punto di arrivo di nuove energie, con gente che arriva in questa città e sa che questa è la città di Pietro Mennea, questa è la Città della Sfida, una sfida che deve continuare anche per i valori sportivi. Barletta è una città che ha dato molto al Sud e che deve tornare ad essere uno dei motori della ripresa e della crescita

È poi intervenuto il prefetto Minerva, la quale ha lodato i numerosi eventi in programma per ricordare quella che lo stesso prefetto ha definito una figura “leggendaria”: “Pietro Mennea rappresenta i valori più alti dello sport, ha voluto combattere il fenomeno del doping e ha voluto insegnare ai giovani il rispetto delle regole

In chiusura dei lavori è poi intervenuto il dott. Gian Maria De Marini, il quale ha ricordato con particolare orgoglio l’atleta barlettano: “Pietro era un Lions, ovviamente aveva sposato la nostra etica, i nostri valori. Ci ha dimostrato che l’uomo se vuole può superare qualsiasi ostacolo, e che la competizione è basata sul cum petere, cioè chiedere insieme, lavorare insieme per migliorarsi. Questo è il messaggio che lui ha dato a tutti noi”.

Tra gli applausi scroscianti dei numerosi barlettani intervenuti e l’urlo “Viva Pietro Mennea”, partito senza indugi a seguito della simpatica richiesta degli organizzatori dell’evento, si è quindi chiusa questa importante iniziativa, tenutasi solo pochi minuti dopo l’intitolazione della Litoranea di Ponente alla “Freccia del Sud” e volta a sottolineare sempre di più che Barletta non ha dimenticato e non vuole dimenticare un cittadino che tanto lustro è riuscito a donare alla sua cittadina e che è riuscito ad ispirare con il suo ardore e forza di volontà intere generazioni di atleti.

Invalid Displayed Gallery

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarletta diventa meta delle Giornate FAI di Primavera
Articolo successivoIl Lungomare di Ponente è di Pietro Mennea
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here