Mennea sul dragaggio del porto di Barletta

Il consigliere regionale Ruggiero Mennea interviene in merito alla questione ricordando quanto sia strategica. Il porto di Barletta acquisirebbe dignità nazionale per cogliere appieno il vigente momento di grande espansione delle importazioni.

E’ giunto il momento che molti attendevano a riguardo dell’annosa questione riguardante il porto di Barletta. Lunedì 17 novembre alle ore 14.30 è convocata la Commissione consultiva locale per la pesca e l’acquacoltura che dovrà esaminare la proposta di dragaggio dello scalo portuale della città della Disfida. Solo dopo questa importante opinione, il competente ufficio regionale potrà dare parere in ordine alla valutazione ambientale strategica.

Solo dopo poche settimane, il 2 dicembre, è stata fissata la convocazione della conferenza di servizi presso la provincia di Barletta-Andria-Trani per concludere il procedimento che darà finalmente il via alle operazioni amministrative così tanto attese del dragaggio del porto. È questa un’operazione strategica ed essenziale per il porto mercantile di Barletta che rappresenta uno dei punti di forza del traffico merci della costa pugliese. Un’opera che consentirà di aumentare il flusso del traffico e che darà maggiore sviluppo al territorio anche in funzione della nuova fase di programmazione dei Fondi 2014 2020.

«È fondamentale ora continuare a concentrare le forze per completare i lavori della nuova Capitaneria di porto – spiega il consigliere regionale Ruggiero Mennea – e dare finalmente al nostro porto la dignità di porto di interesse nazionale e collegarlo ad un sistema portuale che possa diventare il punto di riferimento di tutte le aziende pugliesi che mai come in questo momento stanno vivendo una fase di grande espansione delle esportazioni».

 Il periodo vigente di crisi richiede grande pianificazione in grado di dare fiducia all’ambiente ed innescare l’indotto economico più virtuoso possibile. «Lo sviluppo di un territorio è legato essenzialmente a un sistema di trasporti moderno ed efficiente – continua Mennea – che consenta alle nostre imprese di sviluppare un processo di internazionalizzazione che rappresenta l’unico sbocco vincente per i nostri imprenditori e per le nostre imprese. Occorre esaltare le potenzialità del nostro porto e sottolineare che solo un grande scalo portuale può permettere un grande rilancio delle nostre imprese dello sviluppo e occupazione».

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here