M5S Barletta: “La Bat e Barletta al 101esimo posto come vivibilità”

Barletta

<<Centouno non è un voto di tesi di laurea né tanto meno il numero dei cani del famoso cartone animato, bensì la posizione della nostra provincia in termini di vivibilità, soprattutto in relazione all’ambiente. Nella seduta del Consiglio comunale di Barletta del 19 dicembre u.s. la Giunta Cannito ha approvato il Bilancio comunale senza aver dato prima la possibilità di discutere i provvedimenti né ai membri della maggioranza né alle Commissioni consiliari per i settori di pertinenza né, tanto meno, alle opposizioni.

Un Bilancio confezionato e perfetto, una “esibizione muscolare” francamente antidemocratica ed odiosa.

Il Sindaco che si era presentato come “apolitico”, “animato dal senso civico”, con “impegno e passione” per Barletta, di punto in bianco si toglie la maschera e dimentica le regole più elementari della democrazia, del civismo e della partecipazione.

Il giorno successivo alla pubblicazione dei dati sulla qualità della vita nelle città italiane (dati de “Il Sole 24 ore”), attestanti che siamo sul fondo, migliori solo di Foggia (addirittura Taranto ci ha superato), il Sindaco tira dritto e non modifica di una virgola un Bilancio che sulla qualità della vita non dice praticamente nulla, non propone nulla, non accoglie nessuna istanza.

Un Sindaco non può offendere l’intelligenza dei cittadini facendo loro credere che i problemi ambientali sono le deiezioni canine o qualche sacchetto di immondizia, per poi vantarsi del 70% di raccolta differenziata, operata ormai da anni.

Un Sindaco non può inchinarsi a chi gli chiede di creare nuove stazioni di servizio di carburante, a chi vuole edificare lì dove è in corso un’indagine sull’inquinamento della falda e non dare ascolto a chi ha chiesto un’indagine sullo stato di salute dei bambini di Barletta!

Se un Sindaco non può, un Sindaco che è medico non deve!

Il Presidente del Consiglio comunale e il Sindaco hanno fatto in modo che il Bilancio arrivasse in Consiglio senza possibilità di emendamento: ora non invochino più la collaborazione dei “cittadini” in quelli che sembrano letteralmente “affari loro”.

Altrimenti il centosettesimo ed ultimo posto diventerà tutto nostro. Con buona pace della nostra salute e quella dei nostri bambini.>>

M5S Barletta

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here