L’inciviltà è dura a morire: rifiuti abbandonati sulla litoranea di Levante

Dove finisca il senso civico di alcuni barlettani talvolta è un mistero. Nonostante l’estensione della raccolta differenziata su tutto il territorio cittadino, le discariche a cielo aperto sono in aumento. Vere e proprie discariche fai-da-te che ogni giorno guadagnano terreno in maniera disinibita e incontrollata. Tralasciando i più disparati angoli della città, ma prendendo in esame un solo esempio, basta guardare cosa sta succedendo in prossimità della sezione finale della litoranea di Levante, dove probabilmente la sorveglianza non arriva o è aggirata. Il ciglio della strada, nonché la riva del nostro mare, è costeggiato da una segmentata catena di rifiuti. Ce n’è davvero per tutti:secco residuo indifferenziato a volontà, organico non identificato ma in putrefazione, variopinti mosaici di vetro, mostri di plastica in stato di abbandono, nonché una pioggia di carta di vario formato che vola via verso il mare al primo soffio di vento. Non mancano certamente i nuovi sacchetti per la raccolta porta a porta distribuiti dalla Barsa, ben distinguibili dalle altre buste non biodegradabili che dipingono lo sconcio scenario. Costeggiando la litoranea si ode l’inno all’inciviltà e al regresso; una melodia tutta barlettana, talmente brutta da distogliere l’attenzione di chi queste zone dovrebbe vigilarle e preservarle.

Per le vostre segnalazioni scriveteci all’indirizzo info@barlettanews.it o contattateci sulla nostra pagina facebook Barletta News

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteControreplica di Nicola Corvasce alla BAR.S.A. sul certificato di residenza
Articolo successivoPapaceccio, non solo rapper! Intervista al poliedrico artista barlettano
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here