“LIBERO CORPO”, corso di formazione biennale di coreutica professionale

Per dare solidità e prospettive alla danza contemporanea in Puglia e più in generale a sud, nasce LIBERO CORPO: un percorso biennale di formazione coreutica destinato a un gruppo selezionato di aspiranti professionisti. Affidato alla cura e alla direzione del sistemaGaribaldi e della compagnia Menhir, l’itinerario, che vede il suo avvio oggi (9 dicembre) con il primo turno di selezioni, assocerà al lavoro pratico, la visione di spettacoli, incontri teorici e approfondimenti specialistici. Ospitato dalla Città di Bisceglie che già annovera fra le sue istituzioni scolastiche un Liceo Coreutico, Libero Corpo è sostenuto dal Teatro Pubblico Pugliese per la promozione della danza e il rinnovamento del suo pubblico regionale. Molto bella la location che insieme al Garibaldi ospiterà le attività formative: una grande sala a vetri che si affaccia sul giardino della piscina comunale.

Plurale e preziosa la rete delle collaborazioni, a partire dal rapporto strutturale con il Centro Coreografico Nazionale di Catania diretto da Roberto Zappalà. Fra i partner si distinguono le compagnie: Altra Danza, Arte&Balletto, Qualibò, Koreoproject, Equilibrio Dinamico. All’insegna del dialogo le numerose connessioni con esperienze regionali importanti come: il World Dance Movement di Castellana Grotte, Esplorare di Domenico Iannone, Corpi in Mostra diretto da Mauro De Candia, Azioni in Danza di Stefania D’Onofrio, la rassegna barese Dab e naturalmente la sezione che il Garibaldi dedica alla danza in aprile: Prospettiva Nievskij. In questa prima annualità insegneranno Giulio De Leo (coordinatore del progetto) ed Erika Guastamacchia, per tecnica e composizione coreografica contemporanea, Rosellina Goffredo per tecnica classica propedeutica al contemporaneo, Rossana Farinati per il Feldenkrais. E in qualità d’insegnanti associati ci saranno: Mauro De Candia, Giorgia Maddamma e Maristella Tanzi. Fra dicembre e maggio, quaranta lezioni ordinarie, tre stage affidati alla compagnia Zappalà, cinque seminari teorici (incontri con coreografi come Michele Merola o come il direttore della Biennale Danza di Venezia Virgilio Sieni).

Destinato a 10/15 danzatori in fase di professionalizzazione, fra i 18 e i 25 anni, il percorso non esclude minorenni o over 25 di talento e dopo la prima selezione, prospetta finestre d’accesso in gennaio e marzo, con l’intento di distillare il miglior gruppo possibile. Ambizione esplicita: la nascita di una compagnia di danza che possa contare sul più adeguato supporto strutturale e sulla complicità di coreografi di fama internazionale. Informazioni dettagliate sulla pagina fb di LIBERO CORPO o scrivendo a sistemagaribaldi@gmail.com.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here