Lettera di Unimpresa al sindaco Cascella “Sospendere procedure in corso per la gestione dell’incubatore dell’innovazione e della creatività”

Nel nostro cordiale colloquio nell’ambito dell’evento organizzato a Roma dal Rotary sul tema: “Effetto Puglia – terra di cultura millenaria – incontro con le eccellenze pugliesi”, nell’hotel Westin Excelsior ho avuto modo di esprimerLe personalmente le perplessità della nostra Organizzazione di Categoria nell’apprendere che si stia procedendo all’affidamento della gestione dell’incubatore dell’innovazione e della creatività nell’immobile di recente recuperato all’interno dell’area dell’ex distilleria a Barletta. Ho avuto altresì modo di manifestarLe il rammarico per l’assoluta mancanza di un minimo confronto, né alcuna convocazione o informazione al riguardo.

Come Unimpresa Bat, quindi, ribadiamo e formalizziamo il nostro disappunto per le procedure avviate rispetto all’affidamento della gestione dell’incubatore dell’innovazione e della creatività nell’immobile di recente recuperato all’interno dell’area dell’ex distilleria a Barletta in quanto, oltre ai tempi ristretti per la presentazione delle domande, opportunamente denunciati da Stefano Chiariello, componente direzione PD Bat, c’è da dire che in questo modo non si favorisce affatto le aggregazioni di soggetti anche perché molte Associazioni, come ad esempio la scrivente ma anche altre del territorio molto attive e rappresentative, non sono mai state minimamente coinvolte pur essendo attive nell’elaborazione di progettualità nel comune di Barletta come ad esempio la redazione del Piano del Commercio e questo è gravissimo rispetto alla necessità di creare la massima aggregazione possibile per gestire un complesso così importante per l’intero territorio e non solo per la città della Disfida se non per pochi, pochissimi soggetti e questo deve essere chiaro.

L’incubatore per l’innovazione e la ricerca, a Barletta, deve rappresentare un reale servizio pubblico per l’intero territorio, per le imprese, per tutte le imprese e strutturato in modo da ricomprendere l’intero tessuto associativo locale e territoriale, senza discriminazioni, senza opportunismi né delegittimazioni strumentali.

Come Unimpresa Bat chiediamo a Lei e alla Dirigente di Settore di sospendere, in autotutela, le procedure di bando e di convocare un incontro pubblico che serva anche per meglio delineare le linee di utilizzo della struttura che evidentemente vanno meglio e più specificatamente approfondite e chiarite proprio per evitare un uso inusuale se non improduttivo dell’incubatore stesso e di esempi di questo genere in questo territorio ce ne sono a iosa e molti di questi esempi negativi sono proprio riconducibili a forme di gestione che non devono essere replicate oggi.

Rimaniamo in attesa di un cortese cenno di riscontro riservandoci, in mancanza di quanto richiesto, l’avvio di procedimenti che saranno ritenuti opportuni ed attinenti all’intera vicenda, partendo dalle sue origini.

Cordiali saluti.

 

Il Presidente UNIMPRESA BAT

Savino Montaruli

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here