Questa mattina presso la vasca Boccadoro il Circolo Legambiente di Barletta e di Trani hanno aderito alla campagna internazionale CleanSeaLife, ripulendo le spiagge dai rifiuti. L’iniziativa parte oggi 10 novembre, termina domenica 11 e la pulizia proseguirà fino al lido spiaggia Verde.

Si tratta di un progetto denominato Ri-abi(li)tiamo la costa marittima che prevede per un anno il monitoraggio, la pulizia e la raccolta di rifiuti di ogni genere: dal più piccolo al più ingombrante e dal più innoquo al più nocivo, come quelli raccolti questa mattina dai i volotari di Legambiente.  Rifiuti provenienti anche da altri paesi o direttamente dal mare, rifiuti che insieme diventano nocivi per l’ambiente e per tutti i cittadini.

Il mare, per quanto possa essere in grado di “restituire parzialmente” portando in riva i rifiuti scaricati o dovuti alla semplice e costante inciviltà, purtroppo riporta al suolo solo una fetta di quello che viene realmente gettato in mare e il nocciolo della questione più preoccupante è il “passaggio” che fanno i rifiuti prima di ritornare sulla terra ferma. Bisogna considerare che prima di riemergere arrecano danni alla fauna marina e ai pesci, anche quelli che mangiamo. Basti ricordare le varie carcasse di tartarughe marine che negli ultimi anni si trovano sulla costa di Barletta.

Il piano progettuale prevede diverse fasi: l’analisi quali-quantitativa delle marine e beach litter del tratto di mare da Ariscianne al Castello di Trani e la divulgazione di dati, attività di pulizia, eventi di formazioe e sensibilizzazione cittadina.

Ancora atti di civiltà contro quelli di inciviltà. Legambiente di Trani e Barletta continuano a denunciare questi atti incivili, richiamando costantemente l’attenzione del cittadino affinché possa avere il buon senso di non gettare nulla al suolo o sulla spiaggia poiché gesto che può facilmente ritorcersi contro, magari all’interno del fegato di una spigola o del semplice sale.

 

 

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedente
Articolo successivoColdiretti vuole chiudere definitivamente il ‘caso Puglia’
Francesca Soricaro
Francesca Soricaro nata a Manfredonia nel 1986. Ha conseguito la maturità in "ragioniere e perito commerciale" nell'anno 2005 e subito dopo è entrata nell'azienda di famiglia. Da sempre ha la passione per l'arte declinata in tutte le sue sfumature, per la tecnologia, il disegno artistico e digitale, musica e moda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here