“Le persone speciali esistono” Presentato a Barletta il libro di Giovanna Carpagnano

“Le persone speciali esistono”. Questo il titolo del libro presentato da Giovanna Carpagnano, venerdì 10 febbraio, a Barletta presso la Sala Emeroteca, Biblioteca “S. Loffredo” del Castello Svevo.

Ad organizzare l’evento -inserito  nella rassegna della Biblioteca “Libri, librerie e autori”- è stato il Centro Studi “Barletta in Rosa” con il patrocinio del Comune.

Dopo i saluti iniziali della  prof.ssa Mariagrazia Vitobello, Presidente del Centro Studi “Barletta in Rosa” nonché della dott.ssa Santa Scommegna, Dirigente del Settore Beni e Servizi Culturali, la curiosità destata dal titolo ha lasciato spazio ad una “chiacchierata” tra la la prof. Vitobello e l’autrice.

Al centro del romanzo una profonda analisi interiore dei personaggi che in una notte di capodanno si raccontano e facendo il “bilancio” della propria vita si ritrovano ad interrogarsi sul tempo che inesorabilmente scorre e corre.

I personaggi comprendono che il tempo illude, delude e nel frattempo  può sgretolare anche le convinzioni più radicate e soprattutto impone, anche a chi non ne ha voglia, di crescere.

Il tempo diviene così un instancabile stacanovista, per il quale non esiste un orario di inizio e di fine giornata. Lui, pur non ricevendo compensi, non smette mai di compiere il proprio dovere. Non conosce ferie, pause e riposo.

Questa realtà impone una riflessione matura e al tempo stesso serena sulla vita già vissuta, per potersi proiettare con una maggiore consapevolezza e “preparazione” nel futuro.

persone speciali esistono

La stessa scrittrice ha dichiarato di aver sentito il bisogno di interrogarsi sui suoi primi quarant’anni per cambiare quanto non l’appagava e alla domanda “Che rapporto hai con il tempo?” non ha esitato ad affermare:”Il mio rapporto è di vivere il mio tempo con passione. Guardo al passato con nostalgia per le esperienze che non potranno più tornare e il futuro lo vivo con lo spirito di chi è curioso”.

Un romanzo questo che solo alla fine rivelerà esplicitamente quello che Chiara – uno dei personaggi – vuole dalla vita e sarà un rincorrere di “persone speciali” di angeli custodi, di gente positiva.

Sarà un voler selezionare la gente che ci circonda per migliorarci, consapevoli, tuttavia, che occorrerà togliere quel che di negativo c’è anche dentro di noi.

La scrittrice nel suo libro dichiara ”La mia ammirazione è rivolta a tutte quelle persone che non hanno paura di sporcarsi le mani. Adoro la gente che non ha alcun problema a fare il tifo per gli altri. Adoro le persone che provano ammirazione e non invidia per chi sale sul podio. Voglio imparare dalla gente che ha dignità, orgoglio e amor proprio. Voglio essere allieva della gente a cui non piace vincere facile”.

Consapevole dell’importanza del tempo che scorre e galoppa, la Carpagnano non ha dubbi: “Mi piacerebbe vivere il mio tempo con gente sincera, ambiziosa, tenace, attiva, leale, generosa…” e questo perché “Se è vero che per andare forte e veloce devi andare da solo è altrettanto vero che se vuoi andare lontano hai bisogno di buona compagnia”!

Il pomeriggio si è concluso consegnandoci la certezza che “Le persone speciali esistono e funzionano come inchiostro indelebile: è impossibile cancellarle dalla mente e dal cuore”. A noi il compito di riconoscerle! Tanti auguri all’autrice Giovanna Carpagnano e a noi…buona lettura!

 

 

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteTeam Altamura-Barletta 1922: i convocati di mister Pizzulli
Articolo successivoConvegno sulla Disfida: si aprono le celebrazione del 514° anniversario
Maria Teresa Caputo
Maria Teresa Caputo è nata a Barletta nel 1977. Dopo il diploma di ragioneria conseguito nel 1996, si è laureata in giurisprudenza nel 2003 presso l’Università degli Studi di Bari con votazione 110/110. Nel 2006 ha superato l’esame di avvocato presso la Corte di Appello di Bari, conseguendo l’idoneità. Durante l’esercizio della professione legale si è dedicata in particolare al diritto civile, partecipando a numerosi seminari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here