Lavoro e pensioni, scatta la mobilitazione dei sindacati nella Bat

Nella Provincia di Barletta – Andria – Trani è mobilitazione per sollecitare il Governo nazionale ad individuare una valida alternativa alla Legge Fornero. Per questo Cgil, Cisl e Uil organizzeranno il giorno 13 ottobre, a partire dalle ore 16.30, un presidio unitario davanti alla Prefettura a Barletta per sostenere la “necessità della modifica della riforma delle pensioni messa a punto durante il governo Monti” in occasione dell’imminente presentazione del disegno di legge sulla stabilità per il 2016.

Per i sindacati confederali “urge un intervento strutturale di modifica della legge Fornero che abbassi l’età di accesso alla pensione, reintroducendo una vera flessibilità in uscita e intervenendo sui lavoratori precoci. Tutto ciò serve innanzitutto a favorire il turn over e quindi a dare ai giovani maggiori opportunità di accesso al mondo del lavoro. Va inoltre varata la settima salvaguardia per i lavoratori esodati e consentita l’applicazione dell’opzione donna, misure entrambe che non hanno bisogno di nuove coperture, così come vanno sanati alcuni tra i più macroscopici ‘errori’ della legge Fornero, quali i macchinisti e quota 96 della scuola.

Al presidio di Barletta saranno presenti i segretari generale di Cgil, Cisl e Uil, Luigi Antonucci, Emilio Di Conza e Vincenzo Posa, per chiedere insieme alle lavoratrici e lavoratori, pensionati, giovani e cassintegrati anche “l’applicazione integrale della sentenza della Corte Costituzionale sull’adeguamento retroattivo delle pensioni perequate ai dati Istat”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here