Lavoro e disabilità, Mennea: «Attivare nuove politiche sociali per favorire l’occupabilità delle persone con disabilità»

Il consigliere regionale Ruggiero Mennea ha partecipato all’incontro “Il valore dei disabili nel mondo del lavoro” a Barletta. «Occorre puntare sulla formazione e incentivare meccanismi virtuosi per il sostegno alla disabilità nel mondo del lavoro».

­­­­­­

Lavoro e disabilità: una missione possibile. Le prospettive legale all’inserimento dei diversamente abili nel mondo del lavoro sono state tra le tematiche approfondite nell’incontro dal titolo “Il valore dei disabili nel mondo del lavoro” che si è svolto sabato scorso nella sala convegni del GOS di Barletta.

Alla presenza del vicepresidente della Provincia di Barletta-Andria-Trani Luigi Antonucci, del vicesindaco di Barletta Anna Rizzi Francabandiera, della responsabile politiche disabilità CGIL Nina Daita, del Direttore Generale ASL BT Giovanni Gorgoni, di Cosimo Cilli dell’Unitalsi Barletta, e del consigliere regionale Ruggiero Mennea, con la moderazione dell’avvocato Carmen Craca, il dibattito si è sviluppato partendo dalle condizioni critiche in cui versa il mondo del lavoro per tutti i lavoratori: emerge quindi ancora più forte la difficoltà che caratterizza la categoria dei lavoratori diversamente abili. Con la collaborazione dell’associazione “Barletta-Azione a 360 gradi” sono stati evidenziati i profili virtuosi che, in una possibile coesione tra mondo lavorativo privato e impiego pubblico, possono essere attivati al fine di incentivare l’occupabilità dei portatori di handicap.

Nel corso del suo intervento il consigliere Mennea ha spiegato: «L’84% dei portatori di handicap in età lavorativa non ha un impiego. Inoltre le persone con disabilità iscritte nelle liste di collocamento obbligatorio sono 750mila. Numeri elevati che ci mettono di fronte all’urgenza di incrementare le politiche sociali a livello territoriale per l’abbattimento di queste statistiche e di incoraggiare la concreta integrazione dei lavoratori dotati di disabilità in un contesto lavorativo gratificante e professionalizzante, con pari dignità e pari responsabilità».

L’inserimento delle persone con disabilità nel mondo del lavoro, come previsto dalla legge n. 68/99, spesso disattesa tanto nel settore privato quanto in quello pubblico, è un dovere ma anche un obbligo. «Dobbiamo insieme condividere l’obiettivo di affiancare le realtà lavorative locali per favorire questa integrazione, e al contempo puntare su formazione e incentivi alle politiche sociali a sostegno della disabilità» ha aggiunto il consigliere nel corso del suo intervento. «In un contesto di crisi generalizzata nel mondo del lavoro – ha spiegato Mennea – per riemergere occorre affrontare le singole problematiche con cognizione di causa: in questo senso la politica deve attivarsi con le associazioni che vivono e ascoltano queste problematiche ogni giorno, per definire insieme nuove prospettive per le politiche sociali, rispettando la dignità di questi lavoratori e valorizzandone le abilità in percorsi di lavoro e di formazione sempre più aperti».

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here