Giornata storica a Bari, l’Assemblea Generale Europea delle Vie Francigene, ha votato all’unanimità l’approvazione del tratto da Roma a Santa Maria di Leuca della Via Francigena.
 
Per la prima volta nella sua storia, l’Assemblea Generale Europea delle Vie Francigene si è tenuta nel Sud Italia, a Bari. 
In questo contesto l’Assemblea dei soci di AEVF si è espressa formalmente e all’unanimità sull’estensione a Sud del percorso della Via Francigena, da Roma a Santa Maria di Leuca, in una sala pienissima di amministratori, sindaci e operatori di tutte le Regioni interessate da questo percorso storico e culturale lungo 1800 Km che parte dalla cattedrale di Canterbury e finisce a Santa Maria di Leuca.
 
Presenti all’assemblea Il presidente ell’AEVF, Massimo Tedeschi, il direttore, Luca Bruschi e i sei membri del collegio dei vicepresidenti: Caroline Hicks (Canterbury, Kent), Martine Gautheron (Champlitte, Bourgogne-Franche-Comté), Gaëtan Tornay (Orsières, Vallese), Francesco Ferrari (Orio Litta, Lombardia), Francesco Gazzetti (Firenze, Toscana), Aldo Patruno (Bari, Puglia).
Ospite d’onore, presente in sala il Sindaco di Canterbury, Robert Thomas.
 
A fare gli onori di casa, l’Assessore al Turismo e alla Cultura della Regione Puglia, Loredana Capone: “Ringrazio il Presidente Tedeschi e tutta l’Associazione per aver dato fiducia alla Puglia. 
 
È la prima volta, nella storia dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, che l’Assemblea si tiene nel Sud Italia. Non è casuale che abbia scelto proprio Bari, una delle città che più è stata caratterizzata dal pellegrinaggio nel Medioevo per la presenza delle reliquie di San Nicola. 
 
Le Regioni del Sud, andando contro ogni stereotipo, si sono organizzate, coordinate e hanno camminato insieme per raggiungere la meta ambiziosa della certificazione del Consiglio d’Europa. Non è stato facile, ma un lavoro lungo e capillare che talvolta, però, ci ha consentito di scoprire porzioni di territorio meno note persino a chi lo vive, ma che sono estremamente preziose e che, in questo modo, avranno modo di riscattarsi, di diventare crocevia di viaggiatori per tutto il mondo.
 
L’ambizione è quella di fare diventare la Via Francigena un vettore di mobilità lenta che unisce tutta l’Italia, dal San Bernardo a Leuca, senza differenze, perché l’Italia è una sola e se cresce il Sud cresce il Nord, e viceversa! Altrettanto significativo è il legame con il resto d’Europa che speriamo sia sempre meglio attrezzato sino a Santa Maria di Leuca, proiettandoci verso Gerusalemme attraverso il Mediterraneo a cui dobbiamo restituire il ruolo di culla della civiltà e della spiritualità “.
 
Un giorno importante anche per Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Cultura e Turismo della Regione e vice presidente dell’AEVF: “Un passaggio importante questa Assemblea Europea delle Vie Francigene, un momento storico che non era mai accaduto al Sud attraverso il quale potremo andare in Consiglio d’Europa a ottenere la certificazione del percorso. Oggi 170 soci si sono espressi per la certificazione del percorso che da Roma finirà a Santa Maria di Leuca per altri 900 Kilometri, passando da Monte Sant’Angelo, Bari, Brindisi, Otranto e fino al Finibus Terrae. Dopo questo voto, agli inizi di aprile potremo andare a Lussemburgo al Consiglio d’Europa per ottenere il sospirato riconoscimento di questo ultimo tratto”.
 
La Via Francigena, Franchigena, Francisca o Romea, è parte di un fascio di vie, dette anche vie
romee, che dall’Europa occidentale, in particolare dalla Francia, conducevano nel Sud Europa fino a Roma e di qui proseguivano verso la Puglia, dove vi erano i porti d’imbarco per la Terrasanta, meta dei pellegrini e dei crociati.
Il prossimo appuntamento sarà ai primi di Aprile 2020 a Lussemburgo per l’approvazione definitiva in seno al Consiglio d’Europa.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here