La tutela dei bambini al centro dei nuovi percorsi di affido familiare

Lodevoli intenti comuni delle istituzioni per un fondamentale fine sociale 

20140521_105236Dare la possibilità ai bambini che versano in condizioni famigliari difficili di poter ritornare e vivere nella propria famiglia: questo il fulcro fondamentale dell’incontro, tenutosi Mercoledì 21 maggio alle ore 10.30 presso l’Ufficio Affido e Adozione, in cui sono stati illustrati i percorsi di affido familiare promossi dal settore Servizi Sociali del Comune di Barletta in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Locale della Provincia.

Alla presentazione di questo importante iniziativa, rientrante nell’ambito delle attività del Piano Sociale di Zona, erano presenti  l’assessore Anna Rizzi Francabandiera, il dirigente del Settore Servizi Sociali Santa Scommegna, il consigliere provinciale Luigi Antonucci, il dirigente provinciale del settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale e Pubblica Istruzione Caterina Navach, la Responsabile del Consultorio n. 2 ASL BT, Elisa Manta e i rappresentanti delle numerose organizzazioni che hanno voluto collaborare a questa iniziativa (La Caramella Buona, Ai.bi. amici dei bambini, Centro Promozione Familiare “Insieme con la Coppia” e molte altre).

Questa iniziativa – ha commentato il vicesindaco Rizzi-Francabandieraci vedrà tutti impegnati soprattutto nella ricerche di famiglie, perché questa è una grave criticità. Spero che a tutti i bambini meno fortunati venga concessa una famiglia”. L’assessore inoltre ha specificato che obiettivo principale di questa campagna di sensibilizzazione non mira tanto alle nuove adozioni, quanto piuttosto alle varie modalità di affido temporaneo: “Non parliamo solo di adozione, ma soprattutto di affido famigliare perché questi bambini hanno il diritto di ritornare alla loro famiglia

L’importanza dell’affido e la necessità di trovare nuove famiglie disposte ad accogliere anche solo per poche ore al giorno i bambini in temporanea difficoltà ha quindi portato alla stesura ufficiale di questo protocollo di intesa tra Provincia e Comune dopo i numerosi sforzi già intrapresi dagli enti in questo senso, culminati con la formazione, presso l’Ufficio Affido ed Adozione, di un’equipe specializzata che si occuperà dei bambini in cerca di una famiglia.

20140521_110540Grazie a questa iniziativa i bambini potranno essere assistiti da esperti qualificati ed incontrare i futuri genitori affidatari in un’area, appositamente preparata, che li metta a proprio agio e diminuisca il disagio provocato dai tanti cambiamenti che implica l’affido ad una nuova famiglia. Allo stesso tempo, l’impegno delle autorità sarà fare in modo che l’allontanamento dei piccoli dalle famiglie di origine sia soltanto temporaneo, evitando quindi i problemi derivanti di un taglio netto dei rapporti.

Grande importanza, nell’immediato futuro, rivestiranno le iniziative volte a promuovere una corretta informazione riguardo le modalità di affido ed adozione. Il 27 maggio, presso la Parrocchia di San Nicola, il 30 Maggio, presso la Scuola Primaria Statale Girondi, e il 9 giugno presso il C.A.Gi. (Centro Polivalente per minori comunale), alle 18,00 sono previsti i tre incontri rientranti nella campagna di sensibilizzazione “Fidati dell’Affido”, organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Asl Bt.

Inoltre, a partire dall’8 giugno, presso il Centro per la Famiglia situato in via mons. Dimiccoli 47/49. Avrà inizio una rassegna cinematografica dal titolo “Fidati di me” organizzata in collaborazione con “La Caramella Buona – contro la pedofilia” in cui verranno riesaminati alcuni lungometraggi incentrati sulla cura dei più piccoli.

Queste iniziative rappresentano tuttavia solo la punta dell’iceberg di quella che è, a tutti gli effetti, una campagna di informazione capillare che vede come promotori un gran numero di organizzazioni unite dall’unico e importantissimo scopo di garantire ai più piccoli il diritto, costituzionalmente garantito, di poter vivere in un ambiente famigliare adeguato e tranquillo, capace di garantire loro un corretto sviluppo psicofisico.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa storia dell’illuminazione di Barletta corre sul… filo
Articolo successivoRicettazione di cellulari e smartphone rubati. Sei denunce dei CC
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here