La Rosito Barletta schianta Foggia: 101-59 il finale

Rosito

Gara mai in discussione, i biancorossi della Rosito si riprendono la vetta

Vittoria e aggancio in vetta completato. La Rosito Barletta, al termine di una gara dominata dal primo all’ultimo possesso, spazza via la Diamond Foggia con il risultato di 101-59. Un passivo di 42 punti del tutto inaspettato, che mette in una posizione favorevole Degni e compagni in vista di un ipotetico arrivo a pari punti al termine di questa poule promozione. Fondamentale come sempre l’apporto di Stephens e Smith, a referto rispettivamente con 31 punti e 28 punti. Maiuscole le prestazioni di Amorese (20 punti) e Defazio (16 punti).

La cronaca
Incapace di combattere sul piano tecnico, la Diamond cerca subito di innervosire la gara, ricorrendo spesso a giocate al limite soprattutto in difesa. Barletta mantiene la calma e non si scompone, chiudendo avanti i primi 10’ di gioco sul 22-19. Al rientro sul parquet, coach Vigilante non cambia lo spartito tattico: l’obiettivo è quello di limitare le giocate offensive del duo Stephens-Smith, marcati a uomo. La Rosito, però, prende le giuste contromisure e trova punti preziosi nelle mani di Defazio, padrone assoluto del pitturato. Il resto viene sapientemente svolto dalla difesa: sono solo 7, infatti, i punti concessi all’attacco neroarancio per il 42-26 che manda le squadre all’intervallo lungo. L’inerzia della gara non cambia nel terzo periodo, con Stephens che bersaglia la retina avversaria da ogni posizione fino al +30 (73-43). Gli ultimi 10’ servono solo per le statistiche, la Cestistica chiude i giochi con le triple di Amorese e l’ultimo canestro del solito Stephens che permette ai biancorossi di superare quota 100.

Rosito Caffè Barletta-Diamond Foggia 101-59 (22-19; 20-7; 31-17; 28-16)

Rosito Barletta: Stephens 31, Degni 1, Smith 28, Rainis 3, Defazio 16, Amorese 20, Rizzi F. 2, Balducci, Rizzi G., Diblasio. Coach: Degni

Diamond Foggia: Chiappinelli 6, Zupkauas 12, Padalino 2, Aliberti 7, Ciccone 10, Ferramosca 10, Alvisi 12, Ditullio, Carchia. Coach: Vigilante

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here