La Mandolinistica Pugliese rende omaggio a De Nittis

Giovedì 18 settembre, presso la corte del Palazzo della Marra, si è terrà ultimo appuntamento della rassegna Musicarte, realizzata per il 6° anno consecutivo dall’Associazione Cultura e Musica “G. Curci” nell’ambito dell’Estate Barlettana, in collaborazione con il Comune di Barletta..

“Omaggio a Giuseppe De Nittis” il titolo, a conclusione di un percorso musicale che è stato un omaggio a tuttotondo al grande pittore barlettano.

Di scena l’Ensemble da Camera dell’Accademia Mandolinistica Pugliese, diretto da Leonardo Lospalluti, artista eclettico, diplomato in chitarra, Didattica della Musica, Composizione, Direzione d’Orchestra e Mandolino, insieme ad un solista di grande livello come il mandolinista  Mauro Squillante, uno specialista negli strumenti antichi a plettro, sul cui repertorio conduce una costante attività di ricerca.
Da Raffaele Calace a Giuseppe Silvestri, passando da Costa , Di Giacomo, Tosti, Verdi , Mascagni e Rossini, questo lo spazio  temporale che abbraccerà l’affascinante programma dell’ Ensemble da Camera dell'”Accademia Mandolinistica Pugliese”.

Il mandolino è uno strumento il cui suono nell’immaginario collettivo richiama subito la grande tradizione musicale napoletana, un repertorio che affonda le sue radici fin nel ‘700. È uno strumento di antico lignaggio amato da grandi compositori, come Gioacchino Rossini, le cui sonorità ben si prestano anche a “rivisitare” i classici di altri repertori tradizionali.

L’Ensemble da Camera dell’ “Accademia Mandolinistica Pugliese”, che ci diletterà con un repertorio molto popolare e apprezzato dagli amanti della musica partenopea, è formato da eccezionali solisti, tutti diplomati alla scuola di mandolino del maestro Mauro Squillante , e vedrà ai mandolini  Mauro Squillante, Gaetano Ariani, Lorella Falcone e Nicola A. Staffieri, alle mandole Fedele De Palma e Valerio Fusillo, al mandoloncello Antonio Barracchia e alla chitarra e chitarra basso, Simona Armenise.
Elemento di spicco della vita musicale pugliese, si esibisce in tutt’Italia e all’estero, collaborando con importanti solisti nazionali ed internazionali, con unanimi consensi di pubblico e di critica. Molto apprezzati risultano l’originalità dell’organico, costituito da mandolini, mandole, mandoloncello, chitarre e basso, e la piacevolezza del repertorio, attinto dai classici della canzone napoletana, dalla tradizione popolare pugliese e dalle composizioni originali per orchestra a plettro di vari generi musicali e periodi storici. L’orchestra ha già al suo attivo tre incisioni discografiche per l’etichetta DigressionecontemplAttiva: “Melodie dolenti 1” e “Melodie dolenti 2” (dedicati alle tradizioni musicali molfettesi) e il doppio CD intitolato “I suoni del barbiere”.  Attraverso un programma estremamente vario,  da Digiacomiana a Serenata Partenopea, da La Danza di Rossini, a Souvenir di Sorrento, dal Preludio della Traviata all’Intermezzo della Cavalleria Rusticana, attraverso altri brani noti agli appassionati del genere, perdendosi tra le melodie di alcune tra le più belle Romanze , Danze e Serenate dell’800 e del ‘900,  saremo proiettati nella calura di un giorno passato nei campi, tra gli attrezzi e la polvere sollevata dal taglio delle messi, o avvertiremo  il senso  di una  fuggevole vibrazione,  di una luce o di un colore,  o percepiremo il profumo di un giardino dove è piacevole soffermarsi  e godere dei colori della natura o ci sembrerà di sentire il suono di una locomotiva lontana o la risacca del nostro mare, tutte sensazioni che si percepiscono nell’ammirare  la bellezza dei dipinti del grande Giuseppe De Nittis.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here