“La Forza del Destino” in diretta da Londra alla Multisala Paolillo

Martedì 2 aprile alle ore 19.15 alla Multisala Paolillo arriva in diretta via satellite dal palcoscenico della Royal Opera House di Londra “La Forza del Destino” con un cast superbo di protagonisti.

Il melodramma epico viene rappresentato al teatro londinese dopo oltre un decennio. Jonas Kaufmann e Anna Netrebko sono Leonora e Don Alvaro sfortunati amanti di questa “Forza del Destino” di Verdi che esige grandi interpreti per la sua musica intensa e un allestimento adeguato per la storia di un’amara vendetta che si compie a distanza di spazio e tempo. La regia è di Christof Loy e sul podio salirà Antonio Pappano, il direttore musicale della Royal Opera.

Leonora si innamora di don Alvaro, ma quando il padre di lei impedisce il loro matrimonio, un fatale incidente innesca un dramma fatto di ossessioni, vendette e tragedie.

L’opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave, è tratta da Alvaro o La Forza del Destino di Ángel de Saavedra.

La prima rappresentazione assoluta ebbe luogo al Teatro Imperiale di San Pietroburgo, oggi conosciuto come Teatro Mariinskij, il 10 novembre 1862.

Il debutto italiano avvenne al Teatro Apollo di Roma il 7 febbraio 1863, con il titolo Don Alvaro con Carlotta Marchisio e Barbara Marchisio. Così il compositore scrisse a Vincenzo Luccardi il successivo 17 febbraio: “Se l’opera a Roma è andata abbastanza bene, avrebbe potuto andare mille volte meglio se Jacovacci potesse una volta mettersi in testa che, per avere dei successi, ci vogliono opere adatte agli artisti ed artisti adatti alle opere. È certo che nella Forza del Destino non è necessario sapere fare dei solfeggi, ma bisogna aver dell’anima e capir la parola ed esprimerla”.

La seconda versione, per la quale Verdi aggiunse la celebre sinfonia, compose un nuovo finale e operò numerose altre modifiche tra le quali la rielaborazione del libretto a cura di Antonio Ghislanzoni, debuttò con successo al Teatro alla Scala di Milano il 27 febbraio 1869. Anche il finale fu cambiato: nella seconda versione Don Alvaro sopravvive alla morte di Leonora, nella prima versione l’opera terminava invece con il suicidio di Alvaro. 

Così Verdi scrisse ad Opprandino Arrivabene il 1º marzo successivo: “Sono ritornato qui ieri sera da Milano a mezzanotte stanco morto di fatica. Ho bisogno di dormire quindici giorni di seguito per rimettermi. A quest’ora tu saprai della Forza del Destino: vi fu una buona esecuzione ed un successo. La Stolz e Tiberini superbi. Gli altri bene. Le masse, Cori ed orchestra hanno eseguito con una precisione ed un fuoco indescrivibili. Avevano il diavolo addosso. Bene, assai bene. Ho avuto notizie anche della seconda recita: ancora bene, anzi meglio della prima. I pezzi nuovi sono una sinfonia eseguita meravigliosamente dall’orchestra, un piccolo coro di ronda ed un Terzetto col quale si chiude l’opera. Permetti che ti stringa presto la mano e vada a dormire”.

Dopo 150 anni “La Forza del Destino” vanta ancora un successo mondiale impreziosito dall’interpretazione magistrale di artisti affermati nel panorama internazionale dell’opera lirica.

La stagione 2018-2019 della Royal Opera House è distribuita nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con Classica HD, MYmovies.it, Amadeus, Danza&Danza e Danzadove, Sipario-La Rivista dello Spettacolo, British Council e e il progetto UK Italy Partners for Culture.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here