La Disfida: da Simbolo dell’Unità Nazionale a Sagra Paesana

barlettanews- Disfida di Barletta

I segnali, forti ed inequivocabili (tra gli altri il 13 febbraio non più ricordato per la Disfida), conducono ad una tristissima considerazione e cioè che ci sia in giro una velenosa nube che, formatasi in ambienti non tanto distanti da noi, sta cercando di far cadere nel più sconsolante e sconcertante oblio (senza che alcuno degli amministratori indigeni possa o voglia muovere un passo) due perle che per anni hanno contraddistinto il volto storico della nostra Città. Sto parlando, ovviamente, di Canne e soprattutto della Disfida di Barletta.

Sarà un caso ma, da un po’ di anni a questa parte (cinque più o meno) ogni qual volta si parla di rievocazione della Disfida, si scatena una serie di polemiche, accuse, contro accuse e così via sino all’infinito.

L’ultima querelle è di questi giorni con la protesta – denunzia degli Attivisti del Movimento 5 Stelle (con risposta immediata della cooperativa che gestisce gli eventi) i quali hanno significativamente stigmatizzato gli inspiegabili ritardi nella programmazione delle manifestazioni per l’annuale rievocazione dell’avvenimento del 1503. I pentastellati hanno giustamente posto l’accento sul fatto che “La Disfida di Barletta è un evento storico, culturale e folkloristico con enormi potenzialità che, se adeguatamente sfruttate, non avrebbe nulla da invidiare alle più blasonate celebrazioni italiche”.

Il “focus” generatosi spontaneamente subito dopo l’annuncio (tardivo)  dell’iter per la rievocazione della Disfida, mi ha fornito l’occasione e ringrazio per questo, di puntualizzare su un argomento che mi sta a cuore particolarmente in quanto riguarda la Società civile ed una classe politica, di anni fa, che si spese, senza riserve, per portare all’attenzione nazionale l’evento magnificato da Massimo D’Azeglio.

Chi leggerà questo intervento, non deve pensare di trovarsi di fronte al classico esempio di “Cicero pro domo sua” bensì, come credo sia giusto, dovrà riflettere sulla differenza, enorme, tra una classe politica più datata e quella odierna.

È d’obbligo partire dal Cav. Damiano Daddato, per tanti anni gestore del famosissimo “Bar Madonnella” e promotore di iniziative riguardanti la Storia della nostra Città, in quanto lo si indica come colui che si adoperò per far rievocare per la prima volta il celeberrimo Certame tra gli italiani e i francesi del 1503. Giustissimo però, oltre a citare marginalmente il famosissimo Don Peppuccio Damato, storico tra l’altro di cose militari relative a Barletta e che in genere viene ricordato sempre in coppia con Daddato relativamente al certame, ci si dimentica di citare ( pecca volontaria o ignoranza di quasi tutti gli “storici” della prima e seconda ora), fra i fautori e poi autori, Vittorio Grimaldi.

E si signori, perché nel febbraio del 1965, allorquando mons. Damato e il Daddato dettero vita al “Comitato religioso Madonna della Disfida” che si occupò di “inventarsi” la riproposizione del certame cavalleresco svoltosi 450 anni prima, la “parte” amministrativa era rappresentata dall’assessore comunale allo sport, spettacolo e turismo, il rag. Vittorio Grimaldi il quale, sostenitore accanito della importanza storica rivestita dalla Città di Barletta nei secoli ed oltretutto Presidente della Pro Loco, propose alla giunta targata Carlo Ettore Borgia Sindaco, di finanziare in maniera decisiva l’iniziativa proposta dal duo Damato-Daddato.

Naturalmente, questo ripasso storico, non vuole essere un assegnare meriti o medaglie a qualcuno, bensì far comprendere come in tante occasioni gli amministratori comunali, così spesso denigrati se non peggio, assumono decisioni e appoggiano iniziative che, nel tempo, diventano dei veri e propri capisaldi per la storia di una Città.

Ovviamente quanto specificato è utile a comprendere come i tasselli di un mosaico siano tutti indispensabili per rendere importante l’intera opera.

E a “rinforzo” di tale tesi, non bisogna, anzi, si deve ricordare chi, in ordine di tempo ed in assoluto il primo amministratore, ha avuto la felicissima idea di riproporre in grande stile lo scontro tra i tredici italiani e i pari numero francesi.  Mi riferisco al 400° anniversario del fatto d’arme  e alle iniziative intraprese (ben cinque anni prima e non uno scarso mese!) dai sindaci di Barletta Mario Scelza nel 1898 e l’ingegner Milano nel 1903, con l’ausilio del più importante conoscitore di Storia barlettana, Savino Loffredo.

Nel 1898 il Sindaco Scelza inviava ai “Figli più illustri di Barletta” l’invito a far parte del comitato per commemorare il IV Centenario della Disfida di Barletta “…contribuendo così, con la saggezza dei suoi consigli e con il prestigio e l’autorità del suo nome, a rendere più solenne la patriottica cerimonia”. Formato il Comitato, toccò, per avvicendamento alla conduzione della Città, all’ing. Milano attuare una serie di iniziative culturali e non di quell’incredibile 400° anniversario. Non basterebbero pagine e pagine per raccontarle tutte ma, tra le più significative, la composizione di una fantasia musicale intitolata “La Disfida di Barletta” ad opera del Maestro Nunzio LiCansi o il famosissimo numero unico di un giornale edito appositamente per il 400° anniversario, il cui originale si trova proprio tra i documenti conservati dalla Sezione di Archivio di Barletta.

Ovviamente e con pieno merito, va ricordato ed esaltato tutto quello successo nel 2003, Sindaco Ciccio Salerno, il quale, supportato da i mezzi di comunicazione non presenti nelle precedenti occasioni, mise su un evento di portata internazionale per il 500° anniversario, che fece risaltare il nome di Barletta e le gesta dei 13 Cavalieri  italiani, nello sconfinato mondo del web.

La considerazione che scaturisce dagli avvenimenti vecchi e soprattutto nuovi, riguardanti la Disfida, lascia alquanto perplessi perché la china intrapresa è alquanto oscura e popolata da figure che non lasciano alcunché di buono da sperare. A questi si che calzerebbe a pennello il “Cicero pro domo sua”!

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteWhat’s UP? I film in uscita al cinema… dal 23 al 24 agosto
Articolo successivoGrano: Coldiretti Puglia, stop inganni con etichetta pasta in Gu; subito revisione del codice doganle
Michele Grimaldi
Michele Grimaldi, nato a Barletta il 28 gennaio 1958. Archivista di Stato, Responsabile della Sezione di Archivio di Stato di Barletta, in servizio nel Ministero dei Beni Culturali dal 1978, ha svolto negli anni un’intensa attività di riordino, ricerca e divulgazione di archivi pubblici e privati, Nel 1977 si diploma presso il Liceo Classico “Alfredo Casardi” di Barletta e nel 1980 consegue il diploma in Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Bari. Ha curato, diretto e coordinato l’allestimento di numerose mostre, alcune a carattere scientifico, altre dai temi più didattici e nella scelta dei temi di rilevanza regionale e nazionale ha tenuto presente gli orientamenti storiografici più recenti, considerando gli appuntamenti con la storia forniti dalle ricorrenze di vari avvenimenti o dalle celebrazioni di personaggi famosi che, al di là delle manifestazioni celebrative, hanno fornito l’occasione di rivisitare criticamente il passato. Tra le più significative, “Barletta tra il grano e la sabbia. I progetti per il porto” (ottobre 1982), “L’Archivio che Verrà” (Barletta 2010) e quelle relative alle manifestazioni organizzate per il Centenario dello scoppio del 1° Conflitto Mondiale. Il 2014 “Spunti di ricerca storica per le celebrazioni nella Provincia Barletta Andria Trani del Centenario della Prima Guerra Mondiale” e nel 2015 “L’Italia chiamò – Barletta e la Grande Guerra”. Componente della redazione giornalistica del mensile di cultura, informazione ed attualità “Il Fieramosca” edito a Barletta, per il quale cura, in particolare, una rubrica di storia locale. È inoltre componente del consiglio direttivo della Associazione Nazionale Archivisti Italiani – Sezione di Bari e socio ordinario dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano - Comitato provinciale di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here