La conoscenza difende i diritti umani, presidio a Barletta

Un periodo difficile questo per l’umanità, un tempo in cui nel silenzio e nell’inconsapevolezza vengono calpestati i principi cardine della nostra esistenza. Dai recenti fatti che stanno avvenendo nella striscia di Gaza, alle numerose guerre in paesi poverissimi, alle indiscusse situazioni di intolleranza e razzismo di ogni giorno, i diritti dell’uomo vengono sempre più calpestati nel silenzio di una società sorda e poco informata.

E’ da questo punto di partenza che la Onlus nazionale Diritti Umani e Tolleranza, costituita il 10 Dicembre 2010, trova la propria missione, vero e proprio scopo dell’organizzazione. La conoscenza dei Diritti dell’Uomo, fondata sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, è  base di una società civile fondata sul rispetto dell’uomo nella sua interezza, senza distinzioni di sesso, razza o religione, affinchè la dichiarazione dei diritti umani non venga mai dimenticata da nazioni e abitanti della terra.

Convinta dell’importanza della conoscenza e della necessità di parlare di diritti anche e sopratutto ai più giovani è l’incaricata per la campagna in Puglia Mary Tuosto, consapevole della necessità di parlare di diritti dell’uomo in maniera cosciente e informata partendo anche dalle scuole, in modo tale che sempre più giovani umani nascano e crescano nella consapevolezza di una serie di diritti imprescindibili e necessari per la dignità e il rispetto dell’essere umano.

Allo scopo di informare i cittadini barlettani, sarà presente ogni giovedì per tutto il mese di Agosto un presidio informativo nei pressi del Castello Svevo, di fronte alla Cattedrale di Barletta. Fatta esclusione per la prossima settimana quando potrete trovare il presidio nel giorno di mercoledì 13 Agosto. Oltre ad informarsi e discutere di temi come tolleranza e diritti, i cittadini potranno firmare una petizione allo scopo di mettere in atto la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani destinata al Presidente della Repubblica Italiana in cui si dichiara:

  • CHE le Nazioni Unite hanno adottato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 1948 come primo riconoscimento internazionale che tutti gli esseri umani hanno il diritto ai diritti e alle libertà fondamentali che devono essere rispettati e protetti da tutte le nazioni del mondo;
  • CHE le liberà fondamentali riconosciute dalla Dichiarazione non sono ancora realtà per molte persone, dato che gli abusi sui diritti umani costituiscono un problema globale e danno vita a conflitti etnici, razziali e religiosi;
  • che facciamo appello ai governi e a tutti i settori sia pubblici che privati per garantire che le libertà riconosciute dalla Dichiarazione siano attuate universalmente e diventino una realtà quotidiana;
  •  CHE per assicurare che le libertà fondamentali riconosciute dalla Dichiarazione siano note, capite e rispettate da tutti, ovunque, chiediamo a tutti i governi di rendere obbligatoria nelle scuole l’istruzione dei diritti umani e di condurre una campagna educativa per renderli noti al resto della società;
  • CHE facciamo appello ai governi e a tutti i settori sia pubblici che privati di promuovere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani attraverso campagne educative, eventi, ampie pubblicazioni e divulgazioni della dichiarazione ai bambini e agli adulti in tutto il mondo.

Informarsi significa conoscere e potersi difendere, necessario per una esistenza corretta che parta anche dalle generazioni future nel rispetto dell’esistenza di ogni uomo.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here