La Chiesa di Sant’Antonio ospita il “Rondò Veneziano”

«Basta una melodia per farci fuggire via ed essere d’incanto in un altrove fantastico, che, forse, è il nostro cuore. Ora, provate ad immaginare calli e ponti suadenti, lo scintillio del mare cheto, il dondolio silenzioso d’una gondola, l’infinita piazza San Marco dominata da lucenti leoni, donne misteriose e uomini enigmatici che si cercano, rigorosamente mascherati. Ecco, subito sarete sbalzati nella meravigliosa Venezia di qualche secolo fa, solo se ci sarà la melodia, graziosa e furente, del Rondò. L’idea geniale di Giampiero Reverberi e Laura Giordano da più di trent’anni affascina i musicisti più appassionati».

L’Ensemble Rondò Veneziano è un ensemble che compendia la musica barocca prodotta da una tipica orchestra da camera e le sonorità della musica pop e rock. È stato ideato e creato nel 1979 dal compositore e direttore d’orchestra genovese Gian Piero Reverberi assieme a Freddy Naggiar: celebre discografico ed ha inciso trenta album discografici. Il tipo di musica, classico ma allo stesso tempo contemporaneo, ed il modo in cui si presenta l’orchestra, che suona in abiti settecenteschi, ha destato ben presto l’interesse e la curiosità del pubblico; l’ensemble raggiunse un buon successo agli inizi degli anni ottanta.

Il vasto repertorio, composizioni ispirate ai modelli stilistici di Vivaldi, Albinoni, Galuppi e del tardobarocco europeo, porta la firma dello stesso Reverberi, già noto come arrangiatore di Lucio Battisti, Fabrizio De André, Gino Paoli, Luigi Tenco, Mina ed Eros Ramazzotti. I coautori delle composizioni, che hanno affiancato Reverberi, sono stati Laura Giordano , Ivano Pavesi , Dario Farina, Franco Fochesato e Giuseppe Zuppone. In realtà, non tutti i brani dei Rondò Veneziano sono riconducibili a dei modelli settecenteschi. Vi sono composizioni che si orientano verso esempi di altre epoche della storia della musica; altre composizioni riproducono invece strutture proprie della musica leggera, limitando il collegamento con il passato alla sola sonorità orchestrale.

E anche il nostro Ensemble Rondò Veneziano, formazione musicale composta da due violini primi:    Fabrizio Signorile e Corsignano Liliana Troia, due violini secondi : Alessandro Fiore e Ilaria Catanzaro, due viole: Francesco Capuano         e Davide Terenzio, due violoncelli: Elia Ranieri e Mariateresa Bari, batteria: Stefano Ninni, basso: Filippo De Salvo, oboe: Dominga Damato e pianoforte Michele Campobasso, proporrà la magia incantata d’una notte lagunare attraverso un programma nutrito, suddiviso in tre parti.   La prima comprende: Canal Grande, Magico Incontro, Aria di festa, Notturno in gondola, Rondò Veneziano, Colombina, Arlecchino, Tramonto sulla laguna, Allegro Veneziano. La seconda : Odissea veneziana, Oboe d’Amore, Capriccio veneziano, Sinfonia per un addio, Giochi d’acqua, Rialto, Andante veneziano, Laguna incantata, Casanova e infine un gran Finale in grande stile con “La Serenissima”.

E così domenica 20 settembre, con porta alle ore 18,00 e inizio alle ore 18,30, l’Associazione Curci di Barletta , darà inizio al suo 31.mo Autunno Musicale, con questo Concerto – Spettacolo, con un meraviglioso gruppo, in abiti d’epoca, composto attualmente da dodici elementi, che si propone come una delle formazioni più dinamiche e più interessanti, grazie ad un continuo approfondimento della storia e della poetica musicale, integrato da una comunicativa di grande impatto sul pubblico, ensemble che saprà coinvolgere e deliziare il pubblico in un dinamico viaggio nel tempo, scenografico e di sicuro impatto con costumi settecenteschi. Il repertorio in programma verterà sui maggiori successi del famosissimo Rondò Veneziano che, negli anni ’80, ci hanno fatto scoprire una musica nuova , Barocca e pop insieme, una orchestra da Camera con strumenti moderni , che con brani famosissimi da   “Canal Grande” a “Rialto” , a “Casanova” , a “Rondo’ Veneziano” (sigla di apertura di Canale 5 nell’80), e a tantissimi altri brani ancora, per finire con la “La Serenissima”, tutti brani entrati nella storia renderà piacevolissima la serata. Un omaggio alle indimenticabili melodie, riarrangiate in un progetto originale e particolare dall’Ensemble “Rondò Veneziano” che reinterpreterà il repertorio con il suo inconfondibile stile.

Per informazioni Tel. 0883/528026 – 380 3454431

www.culturaemusica.it; https://www.facebook.com/asscurci    

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here