La Camera di Commercio Bari-Bat investe anche nella salvaguardia dell’ambiente

Un importante contributo è stato destinato dalla Camera di Commercio di Bari-Bat anche per III Edizione del Forum Ambientale “Green Bat 2015”, in programma il 14-17-19 settembre, ritenendo che i quattro eventi dedicati alla “sensibilizzazione dei cittadini per il rispetto dell’ambiente, alle azioni ed ai modelli di sviluppo ecosostenibili per le Amministrazioni e le aziende, alla formazione tecnica, giuridica e amministrativa per i professionisti con la finalità di stimolare nuovi spunti di riflessione e di confronto in merito alle tematiche ambientali, aggiornando ed illustrando il continuo e costante work-in-progress della materia ambientale nelle sue articolate e poliedriche dimensioni”, fossero meritevoli di un sostegno economico quindi, a fronte di un preventivo di spesa di ben 11mila euro + Iva la Giunta Camerale, con deliberazione nr. 94 del 31 luglio 2015, ha deciso di erogare alla Provincia BAT la somma di euro duemila.

Tale erogazione è altresì scaturita dal fatto che in sede di presentazione del progetto e della richiesta alla Camera di Patrocinio e di compartecipazione alle spese venivano considerate interessanti le tematiche di base “individuate a seguito di incontri svoltisi con gli ordini professionali, le Associazioni di Categoria e gli Organismi di protezione e Tutela Ambientale” che saranno oggetto di discussione durante le quattro giornate di approfondimento che daranno vita al Forum Ambientale.

A tal proposito è intervenuto l’Ufficio di Presidenza di Unimpresa Bat, guidato da Savino Montaruli, il quale ha espresso compiacimento per il sostegno della Camera di Commercio Bari-Bat all’iniziativa Ambientale anche se, ha riferito, i paventati incontri con le Associazioni di Categoria non ci sono mia stati né è mai neanche giunta una misera comunicazione o invito circa l’organizzazione dell’evento, come lamentato anche da altre Associazioni. Anche un altro aspetto importante è stato puntualizzato dall’Associazione Datoriale e riguarda la stagione turistica che ormai volge al termine. A tal proposito il Presidente Unimpresa Bat ha sottolineato che proprio la condizione di emergenza ambientale esistente in questo territorio della Provincia Bat ha fortemente disincentivato il turismo, specie quello di qualità ma anche quello di massa e popolare. Le opinioni dei pochi turisti che hanno visitato con permanenza in questo territorio hanno fortemente criticato le condizioni in cui esso versa, sia per le grandi questioni ambientali che tutti conosciamo e che ricomprendono anche le fortissime preoccupazioni in materia sanitaria, ma anche e forse ancor di più, perché si vede, il forte stato di inquinamento ambientale dovuto alla discarica selvaggia di enormi quantità di rifiuti gettati per le strade, sulle grandi e piccole vie di comunicazione e finanche sulle spiagge, lasciate in quei luoghi anche per molti giorni senza che fossero rimosse. Ciò ha prodotto anche la conseguenza negativa che una stagione turistica che ha visto il Sud Barese ed il Sud Puglia raggiungere risultati storici in termini di presenze e una condizione meteorologica favorevole che non si registrava da quasi due secoli, non ha portato alcun beneficio a questo territorio che, anzi, è stato fortemente penalizzato anche a causa di queste inefficienze dei servizi pubblici. Di fronte a questi dati e di fronte a questa situazione restare in silenzio e ammutoliti significherebbe nascondere la realtà e finanche diventare complici delle cattive prassi ma non vogliamo pensare che qualcuno o più d’uno possa addirittura tollerare in modo estremo queste situazioni magari per poi “inventarsi” qualcosa per “stimolare nuovi spunti di riflessione”. Speriamo non sia così ma temiamo che possa, invece, essere proprio così.” – hanno concluso da Unibat.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here