L’arte di assaggiare il vino: parte il corso dell’Onav Bat

Il vino è l’ambasciatore della nostra Puglia e dell’Italia nel mondo. Il mondo del vino è un mondo che affascina e cresce il numero dei cultori aspiranti a diventare dei veri e propri esperti . In particolare, l’assaggiatore di vino è una figura professionale sempre più apprezzata cui sono richieste un complesso di specifiche conoscenze tecniche ed un particolare studio per poter esprimere un parere determinante e completo sulla qualità del vino.

L’ONAV BAT organizza a Barletta il corso per assaggiatori di vino. Un percorso didattico che insegna a bere il vino in modo consapevole, utilizzando i propri sensi per valutare quello che è nel bicchiere, consente di assumerlo responsabilmente, con moderazione, senza eccessi e con gusto. “Io dico sempre che si beve l’acqua e si gusta il vino”, continua Giorgio Calabrese, anche perché come alimento il vino presenta delle proprietà benefiche non riproducibili in farmacologia e come gli alimenti di cui ci nutriamo, è patrimonio culturale, storico, gastronomico e, perché no, filosofico, del territorio in cui viviamo”.

“Per fare ciò – afferma infine il Presidente Nazionale ONAV, il medico nutrizionista prof. Giorgio Calabrese – bisogna avere buoni maestri e l’ONAV è maestra”.
L’ONAV, infatti, sostiene la diffusione della cultura del consumo di alcol soprattutto verso i giovani: la maturità nell’assunzione di bevande alcoliche (vino, birra e distillati) giova alla salute e al piacere di bere consapevolmente, magari in abbinamento ad una sana dieta mediterranea.

Il corso che sarà presentato lunedì 10 marzo 2014, alle ore 19.30, presso il pub caffetteria “BeBop”, sarà articolato in 18 lezioni teorico-pratiche tenute da enologi, agronomi ed esperti nel settore. Le lezioni approfondiranno l’analisi sensoriale, la conoscenza dei fattori climatici e geologici che influiscono sui vitigni e sui vini, la scoperta delle principali aree enologiche d’Italia e del mondo nonché la tecnica di assaggio dei vini, i concetti elementari di viticoltura, ed ancora la composizione strutturale dell’uva, i processi di vinificazione, il valore alimentare del prodotto-vino. Nell’ambito del corso saranno organizzate anche visite guidate.

Ad ogni iscritto al corso viene fornita una valigetta contenente 6 calici da degustazione e il libro di
testo. A discrezione di ogni docente, inoltre, è possibile ricevere anche il materiale didattico delle singole lezioni. Inoltre, in quanto iscritti all’Associazione, si riceve con cadenza trimestrale una copia della rivista “L’Assaggiatore”, periodico di cultura e didattica del vino curato dall’ONAV.

Al termine del corso, dopo aver superato l’esame finale, si otterrà la “Patente di Assaggiatore”,
riconosciuta dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e che permette l’iscrizione all’Albo Nazionale degli Assaggiatori.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteSottopasso di via Callano: il Comune è già attivo
Articolo successivoIl Piano Regolatore Generale di Barletta dal 1834 ad oggi
31 anni, nata in Colombia ma barlettana d’adozione, appassionata di comunicazione in tutte le sue forme, ha fatto delle sue scelte universitarie il suo indirizzo di vita. Consegue la laurea specialistica in “Editoria e giornalismo” con tesi sul Citizen journalism . Partecipa ai master in Marketing, Comunicazione e Digital Strategy e al Master Universitario in Traduzione Letteraria e Tecnico-Scientifica – MUTLT. Ha scritto per : Il Tacco d’Italia, Forza Roma e As Sport. Traduttrice di articoli riguardanti l’economia, la comunicazione, la medicina, l’ambiente e la manualistica, attualmente lavora come mediatrice linguistica interculturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here