Annata agraria: Coldiretti Puglia, legge Km0 passa il vaglio del Governo

km0

“La legge sul Km0 ha passato definitivamente il vaglio del Governo. Nessuna obiezione per una norma che disciplina la complessità di azioni previste che intendono incentivare nuove forme di scambio  capaci di veicolare e promuovere le filiere corte limitando il numero degli intermediari, a partire da opportunità di incontro e da strumenti di cooperazione basati sul rapporto diretto tra chi produce e chi consuma e ha introdotto, inoltre, le modalità di concessione del marchio di filiera denominato «chilometro zero»”. Lo ha reso noto il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, nel corso dell’Assemblea sociale sui primi 6 mesi di annata agraria 2018.

La Legge sul Km0 approvata nell’aprile scorso dal Consiglio regionale, che Coldiretti Puglia ha accompagnato e sostenuto in tutte le fasi, ha riservato una rinnovata attenzione sul delicato tema delle mense scolastiche, della sicurezza alimentare, della nutraceutica e della salute dei bambini e non solo. “E’ una risposta responsabile anche per l’83 per cento dei genitori pugliesi – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia – convinto che le mense pubbliche debbano offrire cibi più sani anche per educare le nuove generazioni alla sana e corretta alimentazione e tutelare la salute dei bambini. L’obiettivo è anche quello di modificare abitudini di consumo sbagliate che si sono diffuse ovunque e formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’ agricoltura con i cibi consumati ogni giorno”.

Per aiutare tutto il sistema scolastico e le famiglie ad alimentare al meglio le giovani generazioni, da anni il Progetto di Educazione alla Campagna Amica ha agevolato l’incontro tra i bambini e i prodotti agricoli ‘fatti’ dagli agricoltori. In Puglia negli ultimi 10 anni sono stati coinvolti nel progetto delle masserie didattiche 90mila bambini e 270 scuole. L’obiettivo di Coldiretti Puglia e Campagna Amica è ‘culturale’ e consiste nel tentare di cambiare abitudini di consumo sbagliate che si sono diffuse ovunque, formando consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti”.

L’effetto nefasto di una cattiva alimentazione non è solo l’obesità – sottolinea Coldiretti Puglia – perché il 35% dei tumori, secondo i dati della Lilt, si sviluppa a seguito di una alimentazione scorretta. Ciò dimostra l’importanza prioritaria di formare una vera e propria cultura della ‘buona e sana tavola’, educazione che deve partire necessariamente dall’età scolare per vivere meglio e più a lungo. I prodotti tradizionali e tipici rispondono all’esigenza di garantire sicurezza alimentare, tutela ambientale e salvaguardia della storia e del patrimonio di tradizioni del territorio.

Un segno distintivo ed una garanzia certificata che rappresentano un riconoscimento formale – conclude Coldiretti Puglia – della provenienza e della qualità dei prodotti da utilizzare sia sui banchi alimentari che sui menù degli esercizi di ristorazione e nelle mense pubbliche.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here