Ipsia “Archimede” – Disabilità e inclusione: quando la scuola funziona

Spesso si legge sui giornali o si ascolta in televisione di situazioni ed episodi in cui persone con disabilità vengono escluse, isolate o discriminate sia sul posto di lavoro che a scuola. Ma spesso a fronte di queste esperienze, magari fuori dal clamore mediatico, ci sono ambienti, scuole, docenti che, con passione, rendono la vera inclusione concreta e reale.

Uno di questi posti è l’ IPSIA “Archimede” con le sue due sedi di Barletta ed Andria, un istituto dove si cerca di andare incontro alle esigenze di ognuno, dove ci si impegna per superare ogni ostacolo, dove si incontrano persone che vivono con passione il loro lavoro e sono disponibili a motivare l’altro per continuare a crederci fino in fondo, anche se si è in difficoltà. Negli ultimi anni il termine inclusione è stato sempre più utilizzato e tutti noi abbiamo il dovere di non renderlo una parola vuota. La scuola, infatti, alleva la società stessa, crea le fondamenta, pone le basi. Però la scuola può farlo solo se ancora prima di altri assume su di sé questo cambiamento interno che oggi si impone più che mai. C’è bisogno che l’inclusione sia di tutti, che tutti vedano non la disabilità ma la persona, la sua interezza, la sua unicità, che è quella di tutti. Ed è l’impegno dell’ IPSIA “Archimede”, dove il cambiamento verso una reale cultura dell’inclusione non è solo di facciata, per una serena convivenza, ma nasce con naturalezza nelle persone che vi lavorano.

E per rendersi conto di tutto questo basta entrare nella scuola. Le famiglie che in questi giorni la stanno visitando in occasione degli OPEN DAY si saranno di certo rese conto del calore e della gioia di chi li accoglie. I laboratori sono ciò che caratterizza e distingue l’ IPSIA “Archimede” di Barletta e Andria. Dal Laboratorio della Moda a quello del settore Elettrico, da quello del Settore Ottico a quello del settore Meccanico, ognuno con le sue specificità: un susseguirsi di professionalità unite per la crescita personale e professionale degli studenti che li frequentano. Laboratori dove l’inclusione si vive giornalmente, dove tutti gli studenti hanno la possibilità di imparare in base alle proprie capacità.

E laddove le difficoltà sono maggiori si attivano laboratori didattico educativi dove il primo obiettivo è sviluppare le autonomie personali e sociali. A tal proposito, è attivo per esempio il Laboratorio del caffè dove i ragazzi apprendono competenze manuali per la preparazione del caffè, acquisiscono fiducia in se stessi e si destreggiano tra spese e resti. In questo laboratorio, nella sede di Andria, un giorno della settimana si parla Inglese: si chiede e si offre il caffè dialogando in lingua inglese, un modo allegro per imparare le parole di base per conversare. Nei periodi di Natale, carnevale e durante ricorrenze particolari, sono attivi in entrambe le sedi Laboratori creativi, dove i ragazzi imparano a realizzare diversi oggetti ognuno secondo le proprie capacità. Ed ancora, nella sede di Andria in questo anno scolastico si è attivato un Laboratorio elettrico, dove si apprendono le basi per realizzare piccoli oggetti di uso comune e scoprire tutti i segreti dell’elettricità, comprendendo in modo semplice il funzionamento di molti componenti elettrici.

E’facile intuire che nella scuola IPSIA “Archimede” di Barletta ed Andria ogni studente trova il modo per esprimere la propria individualità, avendo la certezza di essere accolto con passione e professionalità.

Prof.ssa  Antonella Ruggiero

 

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here