Alll’IISS “N. Garrone” un incontro per dire no al bullismo

bullismo

Sabato 15 dicembre presso l’IISS “N. GARRONE”- Liceo Artistico e Istituto Professionale – di Barletta si è conclusa una settimana ricca di eventi per la prevenzione e contrasto al bullismo in ogni sua forma. Per un’efficace azione di contrasto, l’IISS N. Garrone in prima linea su questo tema, si è dato come una delle sue priorità quella di prevenire, attraverso attività educative e azioni dedicate che creino uno spazio di ascolto per i ragazzi , finalizzato a  gestire  e contrastare il fenomeno del bullismo.

A tal fine l’IISS N. Garrone ha avviato, ormai da qualche anno, un’attività progettuale dal titolo “NO BULLYING” (Referenti professoresse Federica Rizzo e Maria Pia Doronzo) meritevole di attenzione per lo spessore delle azioni previste di tipo formativo e informativo, rivolte a studenti e docenti, per cercare di affrontare un tema così delicato, esteso e sentito fra gli studenti che con la loro sensibilità e partecipazione ripagano i docenti che si impegnano quotidianamente per arginare questo fenomeno.

-Non credo che basti un evento per modificare l’atteggiamento dei nostri ragazzi – ha dichiarato il Dirigente Scolastico Prof. Antonio Francesco DIVICCARO, in occasione della Conferenza “No al bullismo: chi tace è complice”

– la scuola deve esssere un esempio, un modello di comportamento. E’ questo che si cerca di fare ogni giorno nel nostro Istituto che ha ottenuto notevoli riconoscimenti per l’inclusione e l’accoglienza. Ma non bisogna fermarsi qui-.

– Bisogna educare i nostri ragazzi a trovare un significato vero alla vita stessa e ai suoi valori. Molte volte i ragazzi vivono in una dimensione di nichilismo, in una sorta di esaltazione del nulla che li porta alla deriva della violenza. ha sottolineato il prof. Antonello Fortunato, docente di psicologia e responsabile del centro Zenith.

Queste consapevolezze hanno portato l’IISS N. Garrone a intervenire in modo sinergico con altre agenzie educative presenti sul territorio come il Centro Antiviolenza “Giulia e Rossella”, e il Centro Territoriale Arcigay.

Sabato 15 dicembre 2018 Luciano Lopopolo Presidente Nazionale dell’Arcigay e il Comitato Territoriale Arcigay Bat – Le Mine Vaganti,  hanno attuato un progetto formativo per studenti e docenti di “Prevenzione del bullismo a sfondo omo/transfobico e della violenza per orientamento sessuale ed identità di genere”, patrocinato dalla Regione Puglia nella persona dell’Assessore al Diritto allo Studio, Lavoro e Formazione Scuola e Università, Prof. Sebastiano Leo.

-È un progetto legato alla corretta informazione sull’identità sessuale – ha dichiarato Luciano Lopopolo – ragion per cui tale progetto è tenuto anche in collaborazione con lo sportello psicologico dell’Arcigay, affinchè non si creino attorno alle identità sessuali falsi miti o false credenze-

Le attività progettuali proposte hanno suscitato interesse e attiva partecipazione tra gli studenti che hanno acquisito consapevolezza sull’importanza della formazione e informazione in tal senso, per prevenire i fenomeni di violenza, discriminazione e marginalizzazione che si sostanziano in età adolescenziale nei fenomeni di bullismo.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here