Incontro in palazzo di Città su valutazioni Area Portuale

Tra resoconti e progetti, rispunta in sordina una vecchia proposta

“Il rilancio dell’intera area portuale di Barletta è stato al centro di un incontro a Palazzo di città tra rappresentanze dell’Amministrazione comunale e dell’Autorità Portuale del Levante, rispettivamente guidate dal sindaco Pasquale Cascella e dal presidente Francesco Mariani”.
Così recita il comunicato stampa ufficiale del Comune di Barletta; l’incontro tra il sindaco Cascella e il presidente dell’Autorità Portuale del Levante Mariani è stato infatti un momento di seria valutazione sulle potenzialità dell’area portuale che, nel corso dell’anno appena trascorso, ha registrato una crescita del 15% anche sulla base degli interventi già programmati per i primi lavori di dragaggio dei fondali, la risistemazione di alcune attività interne al porto e la ristrutturazione dell’ex mercato ittico da destinare a Capitaneria.

A conclusione di questo incontro è stato attivato un tavolo tecnico per approfondire le problematiche inerenti il porto e i possibili progetti per un ulteriore sviluppo. Fin qui niente di eclatante se non fosse che, tra i progetti per lo sviluppo, rispunta la possibilità di rispolverare il vecchio progetto per il famigerato porto turistico.
“E’ stata altresì valutata la opportunità di rivedere e rivalutare il progetto per il completamento dell’area portuale con un approdo turistico”; queste sono le esatte parole utilizzate nel comunicato. Da lodare, perlomeno, la decisione di non utilizzare assolutismi: infatti non ci sono promesse vincolanti, nessuna affermazione definitiva, solo l’espressione di un desiderio.

E se molti potrebbero prendere questa scelta lessicale come un ulteriore atto di immobilismo amministrativo, probabilmente non stabilire nulla di perentorio con voce grossa da campagna elettorale è stata la soluzione migliore.
Il porto turistico è una promessa mai mantenuta nel corso dei decenni passati, nessuno in effetti ha mai nutrito molte speranze sul compimento di questa grande opera dopo i primi tre o quattro progetti lasciati in disparte a prendere polvere, ma puntualmente, quasi ogni campagna elettorale, c’è un candidato che, nei panni di pastore del popolo, declama a gran voce di voler realizzare questo sogno.

L’ultimo rispolvero di questo progetto, che sicuramente gioverebbe alla città, risale al 2009; il progetto è poi caduto poi nel dimenticatoio fino al 2011, infine, dopo una breve “ripresa”, è divenuto definitivamente irrealizzabile nel corso del 2012. “Corsi e ricorsi storici”, si suol dire.
Perciò, smorzando un po’ gli ardori, è meglio mantenersi sul vago, non fare promesse che poi non saranno realizzate; queste sono infatti il tipo di promesse che l’attuale amministrazione non si può permettere se non vuole rischiare di affondare sotto il loro peso.
Meglio concentrarsi sul mantenere il buon andamento registrato dalla nostra area portuale, per le promesse impossibili ci sarà tempo dopo, quando la crisi sembrerà più lontana.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCostituzione Gruppo Consigliare “Forza Italia”
Articolo successivoI postumi delle proteste dei Forconi
Vittorio
Vittorio Grimaldi è nato il 17 agosto 1991. Diplomato presso il Liceo Classico "A. Casardi" di Barletta, attualmente studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Appassionato ed esperto di folklore e mitologia, gestisce dal 2013 il canale youtube a tale materia dedicato "Mitologicamente". Giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, dal 2014 è stato cronista politico della testata online Barletta News fino a dicembre 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here