Immigrazione: sempre piú diffusa in Italia

Venerdì 9 Maggio alle ore 19.00 presso la chiesa S. Crocifisso di Barletta si è tenuto un Meeting avente come tema “L’Immigrazione”.
Moderatore dell’evento è stato il professore Riccardo Losappio nonchè Responsabile della Sala delle Comunità (nome della sala della chiesa in cui si è svolto l’evento) che ha presentato i tre relatori:

Mons Francesco Montenegro Arcivescovo di Agrigento e presidente della Fondazione Migrantes;
Badr Fakhouri Vice preside e coordinatore Associazione Home&Homme;
Ibrahim El Sehik El Rashio responsabile Caritas Diocesana di Trani Barletta e Bisceglie.

Primo argomento trattato è stato quello di fornire dati e caratteristiche riguardo la presenza di immigrati in Italia e infine il relatore Ibrahim ha presentato uno schema in cui si evidenziava la moltitudine di etnie in Puglia.
Il secondo argomento invece evidenziava le difficoltà di un immigrato riguardo il permesso di soggiorno e la difficoltá di integrarsi nel mondo del lavoro. L’argomento è stato presentato dal relatore Badr Fakhouri il quale ha parlato della propria esperienza personale analizzando le difficoltà e di come è riuscito a superarle.

L’ultimo argomento presentato da Mons. Francesco Montenegro è stato analizzare la difficoltà che donne, bambini e ragazzi immigrati affrontano nel momento in cui decidono di abbandonare la loro patria e iniziare una nuova vita altrove. In particolar modo evidenziando la violenza che le donne sono costrette a subire pur di arrivare alla meta predestinata.
Una realtà sconvolgente che ha tenuto il pubblico non solo attento ma che ha suscitato nei loro animi compassione e malinconia.
In conclusione scopo di questo meeting è stato voler sensibilizzare le persone; far capire loro che gli immigrati sono esseri umani e non persone a cui attibuire appellativi negativi. Cercare di avere compassione verso il prossimo e nello stesso tempo cercare anche di aiutarli e non far perdere la speranza.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here