Il fascino oscuro della jacquerie

Il Paese è agitato dalla protesta del movimento dei Forconi e delle altre sigle che lo accompagnano. E’ difficile formulare un giudizio su questa iniziativa. E’ forse ancora più difficile formularlo scrivendo da una delle città, delle zone più colpite dalla protesta. Barletta e il suo circondario: secondo i giornali nazionali oggi eravamo nella top ten delle zone a più alta intensità di Forconi e affini. Ripeto: non è facile formulare un giudizio. Perché è riduttivo giudicare un fenomeno come questo dagli effetti della protesta.

906872_646739542034705_2101642652_o

Ne ho letti molti, di giudizi sommari che suonano più o meno così:”La protesta è legittima, ma obbligare i commercianti a chiudere, minacciare gli automobilisti, ostacolare il traffico è grave e ingiustificabile”. Un modo assai curioso di concepire le proteste e le manifestazioni di disagio. La protesta va bene, ma io alle 9 ho la palestra, io alle 14 devo rientrare in ufficio, alle 17 ho il commercialista, per favore organizzatevi diversamente. I negozi devono vendere, gli automobilisti devono circolare. Insomma va bene la protesta, ma che non produca alcun disagio. Una protesta educata, programmata, in orari e con modalità prestabiliti, possibilmente con un messaggio in sovrimpressione: non disturbate il conducente.

Un altro gruppo di commenti si concentra sulla matrice (sociale e politica) dei manifestanti. Eccoli diventare a seconda di chi commenta: fascisti, mafiosi, delinquenti, fannulloni, studenti svogliati, hooligan, ultras. Qui il problema non è più cosa si fa, ma CHI lo fa. E’ un problema che questo tipo di manifestazione non sia gestito, organizzato, canalizzato da una qualche forma di organizzazione di massa (si fa per dire). Non si scende in piazza così: ci vuole una piattaforma programmatica, eleggiamo dei delegati, concordiamo il percorso dei cortei e un bel manifesto con le sigle promotrici.

E invece. Chiunque abbia osservato la società italiana (o anche la sua ve

rsione micro, a Barletta) nei mesi passati non può non aver visto il livello di disagio e frustrazione che covava in strati diversi della popolazione. Che quel disagio, covato a lungo e represso in ogni direzione, sia esploso attraverso questi geyser è quasi una fortuna. Scenari assai più cupi sarebbero stati ugualmente credibili, e possibili. Certamente quella dei Forconi è una jacquerie, una rivolta senza sbocco apparente che trova nei bersagli a portata di mano/forcone (i commercianti, gli automobilisti, gli studenti) gli obiettivi più facili per dimostrare la propria (scarsa) forza. E tuttavia è suggestivo che, in un Paese anestetizzato, sonnolento, abituato ormai a incassare qualsiasi umiliazione (senza distinguo tra generazioni e status), un movimento senza risorse e senza struttura abbia conquistato, da Nord a Sud, uno spazio di protagonismo e di rivendicazione. Non è con l’atteggiamento da snob, non è con le puzzette al naso che si risponde a fenomeni come questi. A chi è pagato per farlo, ai nostri politici, ai nostri amministratori locali, sopratutto ai più giovani, si consiglia di (ri)cominciare a studiare. L’inedito, l’ignoto è già arrivato. Ed evidentemente non siamo, non siete pronti.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteProtesta “Forconi” Barletta – 11 dicembre/Corteo Via Renato Coletta
Articolo successivoRabbia e determinazione nella protesta dei commercianti a Barletta
32 anni, laureato in Filosofia presso l'Università La Sapienza di Roma e docente abilitato tramite TFA, Tirocinio formativo attivo. Ha conseguito inoltre: il dottorato di ricerca in Diritto delle relazioni di lavoro (Fondazione Marco Biagi di Modena), il master in Counseling filosofico ed esistenziale (Università Pontificia Salesiana di Torino) e il Diploma avanzato in studi europei (Collegio europeo di Parma). Ha lavorato su temi europei presso: il Patto territoriale Nordbarese ofantino a Bruxelles, il Parlamento europeo, il Ministero della Pubblica Istruzione, l'Ufficio scolastico regionale pugliese. Ha insegnato Filosofia e Storia nei Licei ed è docente di Istituzioni e Programmazione comunitarie per il Master in Europrogettazione della società Eurogiovani. Ideatore del progetto "Punti di fuga", counseling filosofico per i detenuti. Ha svolto il praticantato da giornalista pubblicista presso Barlettalife. Attualmente è HR Assistant per la società Proger a Riyad, Arabia Saudita. Grande passione per la politica e grande allergia per i politici. Ama la musica classica e il jazz, la scrittura in tutte le sue forme, i gatti (soprattutto uno, il suo, che si chiama Garibaldi)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here