Il CSM vince ai rigori la partita dell’amicizia

Calcio e sociale insieme per vincere una partita importante, quella di far cadere il tabù della malattia mentale e favorire il reinserimento nella società dei malati psichiatrici al fine di dar loro la possibilità di intraprendere un cammino verso una vita che sia il più possibile normale.

La Partita dell’Amicizia, si è giocata stamattina presso il Centro Sportivo “Manzi Chiapulin” tra la squadra della S.S.Barletta Calcio ed i cittadini assistiti dal Centro di Salute Mentale della ASL BAT di Barletta che di certo si sono fatti valere, vincendo ai rigori contro la squadra biancorossa.
Un’iniziativa, volta a favorire la diffusione di una cultura dello sport leale e soprattutto sano affinchè il calcio non sia soltanto sport ma strumento di crescita ed integrazione sociale e culturale.

Invalid Displayed Gallery

Emblematiche in tal senso le parole, Luigi Mennuni, presidente del Dipartimento di salute mentale della Asl BAT: “Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa per un duplice motivo: quello d’ integrazione e condivisione sociale affinchè il malato psichiatrico possa reinserirsi pienamente nella società e l’altro aspetto è quello riabilitativo perchè partecipare ad una partita di calcio significa prendersi cura di sé e anche acquisire maggiore fiducia in se stessi”. Il Progetto “Fuori Centro”, di cui la stessa Partita dell’Amicizia ne fa parte, è promosso dal Dipartimento Di Salute Mentale ed Unità operativa di psicologia clinica e si propone di coinvolgere gli utenti psichiatrici in un percorso di educazione non formale dove il calcio diviene il veicolo di riabilitazione psicofisica e di inclusione sociale.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteInaugurato oggi a Barletta il Centro per l’Occupabilità Femminile della provincia BAT
Articolo successivoPietro Verna: un artigiano della musica
31 anni, nata in Colombia ma barlettana d’adozione, appassionata di comunicazione in tutte le sue forme, ha fatto delle sue scelte universitarie il suo indirizzo di vita. Consegue la laurea specialistica in “Editoria e giornalismo” con tesi sul Citizen journalism . Partecipa ai master in Marketing, Comunicazione e Digital Strategy e al Master Universitario in Traduzione Letteraria e Tecnico-Scientifica – MUTLT. Ha scritto per : Il Tacco d’Italia, Forza Roma e As Sport. Traduttrice di articoli riguardanti l’economia, la comunicazione, la medicina, l’ambiente e la manualistica, attualmente lavora come mediatrice linguistica interculturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here