Il Consiglio approva all’unanimità l’assestamento al Bilancio di Previsione

Il Consiglio provinciale di Barletta – Andria – Trani ha approvato con voto unanime la Variazione al Bilancio di Previsione finanziario 2015-2017. Il provvedimento aveva incassato venerdì scorso l’ok dell’Assemblea dei Sindaci, senza alcun voto contrario.

«Con questa variazione di Bilancio riusciamo a riallineare i conti economici della Provincia per far fronte alle spese da sostenere entro la fine dell’anno – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Barletta – Andria – Trani Francesco Spina -. Si tratta nel dettaglio di una manovra complessiva da circa 926mila euro, il cui intervento più importante riguarda il trasferimento, dalla Regione Puglia alla Provincia, delle risorse economiche per il progetto “Sac Terre Diomedee” (per un importo di circa 280mila euro). Un progetto intrapreso dalla passata amministrazione provinciale e legato alla valorizzazione del patrimonio turistico-culturale del nostro territorio, attraverso la concertazione con i dieci Comuni della Bat, che con la nostra amministrazione siamo riusciti a recuperare, evitando che queste risorse venissero perse. Ai 280mila euro del Sac si aggiungono poi i circa 223mila euro per la riprogrammazione del progetto “Arges” (per il miglioramento dei servizi e delle reti di trasporto, informazione e comunicazione sul territorio) ed altre spese non preventivabili al momento della stesura del Bilancio di Previsione. La Provincia di Barletta – Andria – Trani – ha poi concluso il Presidente Spina – sta continuando con dedizione ed autorevolezza a garantire servizi fondamentali per la comunità, per quanto riguarda il sociale, il mondo della scuola e le principali infrastrutture di carattere infracomunale».

Nel corso della seduta odierna, infine, il Consiglio provinciale ha approvato all’unanimità anche l’aggiornamento del Regolamento per la disciplina dei contratti e del Regolamento per lavori, servizi e forniture in economia, approvati nel 2012, in relazione ad alcune integrazioni di carattere legislativo recentemente intervenute.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here