I test d’ingresso alle scuole di specializzazione in medicina non dovranno essere ripetuti

Come forse avrete sentito o letto, parte delle prove scritte nazionali per l’accesso alle scuole di specializzazione in medicina sono state annullate a causa di quella che è stata definita una grave anomalia nella preparazione stessa dei test. In particolare stiamo parlando delle prove di mercoledì 29 e venerdì 31 ottobre, in cui relativamente all’area medica e all’area dei servizi clinici c’è stata un’inversione dei quesiti, tant’è che parte delle domande sono state somministrati agli studenti nei giorni sbagliati. Inizialmente si era deciso di far ripetere i test il 7 novembre ma poi è arrivata la buona notizia.

«I test per l’ingresso alle scuole di specializzazione in medicina non dovranno essere ripetuti. Abbiamo trovato una soluzione che ci consente di salvare i test. A seguito di un confronto avuto con l’Avvocatura dello Stato e del verbale della Commissione si è deciso di procedere, dunque, con il ricalcolo del punteggio dei candidati neutralizzando le due domande per Area che sono state considerate non pertinenti dal gruppo di esperti». Questa la decisione definitiva presa da ministero dell’Istruzione che dunque valida i test d’ingresso del primo concorso nazionale per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina.

Ieri pomeriggio Stefania Giannini, titolare del Miur, ha riunito a Roma la Commissione nazionale incaricata la scorsa estate di validare le domande del quiz, arrivando alla conclusione che sia per l’una che per l’altra Area, 28 domande su 30 sono comunque valide ai fini della selezione.

L’ammissione di responsabilità non è bastata. Proprio oggi, infatti, si terrà un presidio di manifestanti davanti al Miur, organizzato tramite il passaparola sui social network. Sono migliaia i medici iscritti alle prove, che tramite le loro associazioni chiedono chiarimenti e un’indagine più approfondita sull’accaduto, e in certi casi anche le dimissioni del ministro Giannini che aveva più volte garantito la meritocrazie e la trasparenza di queste nuove prove a livello nazionale rispetto alle selezioni locali.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedentePremiati in Prefettura i cittadini meritevoli nel giorno della commemorazione dei caduti in guerra
Articolo successivoBAR.S.A: ma quale certificato di residenza!?
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here