II Laboratorio urbano GOS di Barletta fra i finalisti del bando Culturability

immagini-laboratorio-urbano-gos
Entra in una nuova fase il percorso del bando della Fondazione Unipolis che stanzia 450 mila euro per progetti culturali di rigenerazione
 
Palazzi storici vuoti, fabbriche e spazi industriali dismessi, edifici pubblici e spazi ferroviari inutilizzati, biblioteche chiuse, conventi e chiese dimenticati, aree aperte che riprendono vita, rinascendo come luoghi di cultura e di comunità: queste le sfide lanciate dai 15 progetti finalisti del bando culturability – rigenerare spazi da condividere. Sono stati selezionati fra i 341 progetti candidati da tutta Italia alla call, promossa dalla Fondazione Unipolis, per sostenere iniziative culturali e creative innovative ad alto impatto sociale che rigenerano e riattivano spazi.
 
Un processo di selezione complesso, considerato il numero, la qualità e la visione dei partecipanti. Oltre il 50% dei progetti scelti arriva dal sud e dalle isole.
 
Ci sono anche tre progetti della Puglia fra i 15 finalisti del bando culturability – rigenerare spazi da condividere, selezionati fra i 341 progetti candidati da tutta Italia alla call, promossa dalla Fondazione Unipolis, per sostenere iniziative culturali e creative innovative ad alto impatto sociale che rigenerano e riattivano spazi.
 
Direttamente da Barletta, il progetto Giovani Open Space (GOS) – Distillerie Culturali che interviene sul Laboratorio Urbano GOS di Barletta, centro polivalente realizzato nell’ambito del Programma “Bollenti Spiriti” della Regione Puglia, attraverso il recupero di una porzione significativa dell’ex distilleria al centro della città. Un esempio imponente di archeologia interamente ristrutturato dal Comune di Barletta (proprietario del bene) e dato in concessione a un gruppo di organizzazioni locali per realizzare uno spazio di aggregazione giovanile a base culturale, con particolare riferimento ai settori della musica e delle arti visive e performative. Si tratta della prima importante iniziativa progettuale proposta dai nuovi gestori del Laboratorio Urbano GOS di Barletta, l’ATS Soundiff, che vede riuniti della gestione dello spazio Soundiff – Diffrazioni Sonore Soc. Coop. (capofila), Associazione Cultura e Musica G. Curci, Associazione Eclettica – Cultura dell’Arte, Teatro dei Borgia e Rigenera di Palo del Colle.
 
A seguito di questa prima selezione, i finalisti sono ammessi al percorso di supporto e accompagnamento finalizzato a migliorare e sviluppare le proposte, che dovranno essere poi rinviate a Unipolis entro il 2 agosto. Tra queste, nel mese di settembre, una Commissione di esperti selezionerà 6 progetti che riceveranno 50 mila euro ciascuno e continueranno l’attività di mentoring. Il budget complessivo del bando è pari a 450 mila euro tra contributi economici per lo sviluppo delle iniziative, percorso di accompagnamento per l’empowerment dei team e rimborsi spese per partecipare alle attività. Ai 400 mila euro stanziati da Fondazione Unipolis, si aggiunge un contributo della Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT che mette a disposizione risorse economiche che consentiranno di selezionare un sesto progetto tra i 15 finalisti. Anche per questa edizione del bando, il percorso di mentoring sarà seguito da Avanzi/Make a Cube³ e Fondazione Fitzcarraldo, partner dell’iniziativa.
 
Già negli scorsi anni, culturability ha riscontrato ottimi risultati di partecipazione, in termini di progetti aderenti e di qualità delle proposte, come dimostrato dai successi delle realtà sostenute che continuano i loro percorsi di sviluppo. Complessivamente, per le cinque edizioni Fondazione Unipolis ha investito oltre un milione e 800 mila euro e 3.112 sono stati i progetti partecipanti.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here