Golden Globe 2017, la ‘gara alternativa’ delle star tra pailettes e spacchi

All’inizio di ogni nuovo anno viene celebrata la cerimonia di premiazione dei Golden Globe (la rinomata anticamera degli Oscar) che prevede la classificazione dei film e delle serie televisive più belle andate in onda nel 2016. Quest’ anno, per la 74° edizione avvenuta l’ 8 Gennaio 2017 a Beverly Hills,  i lunghi corridoi del red carpet, pieno di celebrities, sono stati “calpestati” da scarpe gioiello e abiti da sogno.
 
Nella contesa del titolo della “più bella ed elegante”  notiamo che ci sono state scelte sia comuni che totalmente opposte su stile e colore. Paillettes e spacchi hanno lottato duramente per aggiudicarsi il podio della raffinatezza e originalità.
 
Le prime lodi senza alcun dubbio vanno all’attrice che negli ultimi anni è stata nota principalmente per il ruolo di Serena van der Woodsen in “Gossip Girl”, Blake Lively. Sempre più bella e brava professionalmente, nonostante non avesse alcuna candidatura per la premiazione, ha brillato lo stesso di luce propria lasciando il suo “profumo” in un elegantissimo e seducente abito lungo a sirena in velluto, con riporti e tasche dorate di Versace. Impeccabile e non possiamo aggiungere altro.
 
Lo stesso ha fatto Emma Stone, la bella rossa raffinata nel suo abito con stelline argento in un fondo rosa chiaro di Valentino, delicato e adatto al colore della sua pelle.  Altre scelte chic sono quelle fatte da Reese Whiterspoon in giallo canarino, Nicole Kidman in un McQueen argentato scintillante e con un retrogusto rock e da un Amy Adamas in un abito a colonna nero di Tom Ford tempestato di paillettes, azzeccato, ma non originalissimo.
 
Pare che le nostre dive abbiano scelto i propri abiti considerando l’ eleganza ma trascendendo in alcuni casi. Un esempio è Sofia Vergara, l’oro su un nude fin troppo esplosivo, o una Sara Jessica Parker in Vera Weng evidente intento era di riproporre l’abito da sposa di Carrie Bradshaw nel film Sex and the city” senza tener conto però che tale omaggio è risultato un po’ stucchevole.
Stesso livello per Thandie Newton e Carrie Underwood, in coda per l’ultimo posto, sicuramente a causa del rosa strapazzato antico e di un rosso “fuego” su un vestito total white.
 
In passerella sfoggia ancora una volta il Giallo come l’abito indossato dalla Whiterspoon, una vera esplosione di colore! Infatti lo vediamo anche in Viola Davis, con un mono spalla lungo di Michael Kors, poi  Natalie Portman in un  adeguato Prada “sacco lungo” per le rotondità della gravidanza in atto, molto raffinata, ma non unica, in un accollato dress dal lungo strascico  per Maisie Williams di Ong Oaj Pairam, il vestito indossato Kerry Washington che ha scelto una mezza lunghezza fondo giallo tenue, decorata in argento di un Dolce& gabbana e infine giallo oro per Emily Rtajkowki.
 
La perfezione è dura da raggiungere, è più facile recitare un ruolo che scegliere un outfit al paragone della propria bravura e ci riferiamo, precisamente, alla cara Claire Foy. Bravissima in “The Crown” ma non nella scelta del vestito perfetto, nulla di esagerato o limitato per carità, però non ha spiccato. Rosso per Brie Larson in Rodarte, ottimo per la sua bianca pelle, Michelle Williams in un ghiaccio Louis Vuitton, forse troppo fantasia mood centrino da tavola, ma il vestito le stava divinamente e Monique Lhuillier in stile lisca di pesce su un silver white scollato per Drew  Barrimore e la sua presentazione, nulla da dire o aggiungere, il vestito parla da solo.
 
Anche Chanel sul red carpet per Riley Keough, nero e argento per un tulle lungo, non si è trattato di un capo da mille e una notte però ha mantenuto fede alle volontà di Karl Lagerfeld. Un celestino Prada con decorazioni floreali per Jessica Castain, scollatura a “V” in un modello molto lineare, sempre in lungo, differente da quello di Jessica Biel, scollatura importante ma non volgare e  sicuramente particolare il suo vestito stile “gonnellone” lungo, largo fantasia di base Black&White. Un altro bianco griffato Michael Kors ha soddisfatto anche Sienna Miller con un semplice long dress dal particolare “vedo e non vedo” in direzione del ventre.
 
Il nero solitamente è una scelta impeccabile, soprattutto se vogliamo essere elegantissimi, ma non anonimi. Troviamo sul red carpet anche Monica Bellucci, Mandy Moore, Jenny Packham, Amara Karan in un long TotalBlack. Nulla di eccessivamente caratteristico o particolare, tranne per  Busy Phillips in Stella McCartney con decorazioni floreali e gialle.  Ancora scelte sul rosa per Felicity Jones in un gucci autentico e per Zoe Saldana con gioielli Bulgari.
 
Un abito Vionnet lungo, grigio, mono spalla, forse dal décolleté troppo preciso e marcato , per Anna Kendrick e un gold lungo morbido orientale Ralph Louren per Pryanka Chopra, in risalto sicuramente.
Heidi Klum, invece, questa volta stupisce perché con il suo tubino bello e distinto, non stupisce! Fantasia astratta, base bianca e brillanti decorazioni.
Molto di classe, una coordinata associazione di colori come il blu notte e corallo, da Caitroiona Balfe.
 
Altra particolare uscita è stata quella di Olivia Culpo in un lungo largo principesco abito, in fantasia “pietra murrina”,base nero con un incrociato sul petto, legato al collo e…molto fiabesco. Bello anche il rosa confetto indossato da Lola Kirke, un modello sempre sicuro, , altro Vera weng imponente in viola ciclamino.
 
Ci sono stati anche i pantaloni: Kathryn Hahn, Evan Rachel Wood e Octavia Spensere hanno entrambe optato per un semplice e fine smoking
 
Alla fine delle premiazioni c’è stato l’after party in stilist Warner Brose per questi Golden Globe 2017, dove hanno partecipato attori di serie televisive, categorie di Vip diverse, cantanti e anche la fashion blogger Chiara Ferragni.
 
 
Fonte foto: Grazia
 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here