Ieri primo novembre si festeggia la Giornata Mondiale Vegan o il Vegan Day ossia una celebrazione dedicata alla filosofia vegana. Si celebra proprio il primo novembre perché nel 1994 a Londra fu fondata la prima società vegana.

Si tratta di una vera e propria filosofia di vita in cui si sceglie di eliminare dalla propria dieta il consumo di qualsiasi tipo di prodotti che sia di origine animale, partendo dal latte. In più chi sposa questa filosofia conduce uno stile di vita che escluderebbe anche l’acquisto di prodotti di ogni tipo ottenuti dalla sofferenza e dallo sfruttamento di un animale, tipo la seta, la pelliccia, la lana ecc. ecc.

Precisiamo che tra i vegani e i vegetariani esiste qualche differenza. I vegetariani consumano tranquillamente carne di pesce, latte di mucca, formaggi di origine animale e così via. Invece lo stile di vita dei vegani è di gran lunga più restringente in quanto non ammetterebbe sulla propria tavola carne, pesce, uova, miele, latticini e derivati.

Durante la Giornata Mondiale Vegan non si parla solo di come viene eseguita la dieta vegana ma in tutto il mondo si organizzano campagne di sensibilizzazione cittadina evidenziando i benefici della dieta e collegando anche un tema piuttosto importante, da non sottovalutare, come lo sfruttamento degli animali.

Si parte proprio da questo in effetti, dall’evitare che gli animali anche loro essere viventi vengano rinchiusi in cattività come spesso avviene nei circhi e ovviamente negli acquari.

In più nonostante si tenda ancora ad additare la dieta vegana accusando di non essere completa per la nostra salute, studi scientifici hanno dimostrato e affermato l’esatto contrario.

In effetti uno stile alimentare vegano ben calibrato porterebbe numerosi benefici all’organismo, ad esempio aiuterebbe a prevenire l’obesità, l’ ipertensione, il diabete e in più ridurrebbe il tasso di mortalità. Ad affermarlo con certezza è stato proprio il Ministero della Salute nell’anno 2015.

Negli ultimi anni sempre più persone si avvicinano alla dieta vegana, compreso molti sportivi a livello anche antagonistico. E’ certificato infatti un evidente miglioramento del metabolismo anche dopo 48 ore aver iniziato la dieta, probabilmente a causa della maggior presenza di fibre e antiossidanti.

Ad incorniciare tutte queste salutari conseguenze causate della dieta vegan, inevitabilmente questa filosofia porterebbe anche benefici per l’ambiente e quindi la salute dell’uomo.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedente
Articolo successivoArcheologia asfaltata: ancora nessuna risposta da Archeoclub
Francesca Soricaro
Francesca Soricaro nata a Manfredonia nel 1986. Ha conseguito la maturità in "ragioniere e perito commerciale" nell'anno 2005 e subito dopo è entrata nell'azienda di famiglia. Da sempre ha la passione per l'arte declinata in tutte le sue sfumature, per la tecnologia, il disegno artistico e digitale, musica e moda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here