Furti di autovetture, colti in flagrante due pregiudicati nel parcheggio dell’ospedale “Dimiccoli”

????????????????????????????????????

Per contrastare l’incremento del fenomeno dei furti di autovetture, sono stati intensificati i servizi finalizzati al contrasto di tale fenomeno delittuoso.
Nell’ambito di tali servizi, nelle ore serali dello scorso fine settimana, all’interno del parcheggio dell’ospedale dimiccoli personale della sezione volanti traeva in arresto Lobascio Giuseppe 35enne pregiudicato barese e denunciava in stato di libertà Gravina Saverio 40enne, anch’egli pregiudicato barese, sorpresi mentre, con l’ausilio di torce elettriche e di arnesi idonei allo scasso, armeggiavano in prossimità delle auto in sosta nel predetto parcheggio.
Dall’accertamento eseguito con l’ausilio della banca dati interforze, il primo risultava essere un sorvegliato speciale della p.s. con l’obbligo di soggiorno nel comune di Bari, pertanto, veniva tratto in arresto nella flagranza di reato di violazione alla predetta misura di prevenzione e possesso ingiustificato di arnesi idonei allo scasso, reato quest’ultimo, per il quale veniva deferito il secondo malvivente.
Entrambi i soggetti, sono stati proposti al signor questore di bari per l’applicazione del foglio di via obbligatorio dal comune di Barletta.

Inoltre, sempre nello scorso week end, sono proseguiti incessanti i servizi straordinari di controllo del territorio e controlli a bar, esercizi commerciali e sale giochi, con l’identificazione di numerosi pregiudicati avventori, nonché a soggetti sottoposti a misure cautelari, di prevenzione e alternative alla detenzione.

Nell’ambito di tali servizi, personale della sezione volanti traeva in arresto Sorbo Giuseppe, 38enne pregiudicato barlettano, sorvegliato speciale della P.S. in quanto veniva sorpreso all’interno di una delle predette sale giochi, intento ad effettuare giocate online e scommesse, contravvenendo cosi’ alle prescrizioni contenute nel decreto di sorveglianza speciale della P.S. del Tribunale di Trani.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here