Franco Pastore sul gioco d’azzardo: «Rendete applicabile la legge regionale sul Gap»

Il sindaco Cascella dia il buon esempio ai comuni della nostra provincia

Stando agli ultimi rapporti Istat, i cittadini del sud Italia – ed in particolare pugliesi e campani – sono in coda al Paese con un reddito medio annuo di poco più di 13.000 euro. Partendo da questo dato, il consigliere regionale Franco Pastore ha espresso la sua preoccupazione riguardo alla crisi economica in forte crescita in Puglia, rapportandola direttamente all’aumento del gioco d’azzardo che via via sta diventando sempre più patologico. Il consigliere tiene a precisare quanto poco si stia facendo per contrastarlo: «Gli amministratori locali, i sindaci, devono sapere – ma penso che lo sappiano – che la legge regionale sul Gap prevede che i comuni emani o dei regolamenti applicativi della stessa. Se non lo fanno è tutto vano. È inutile avere i giusti strumenti e non utilizzarli, non applicarli. Nelle nostre città, ogni buco rimasto sfitto o invenduto si trasforma in una slotterie con tutto quanto ciò comporta».

Nella sua nota Pastore ricorda che nonostante la povertà e la disperazione tendano a non diminuire, a livello nazionale si sono comunque moltiplicate le campagne di contrasto (come Mille piazze contro il gioco d’azzardo) che in qualche modo contrastano tutte quelle pubblicità – subliminali e non – che in ogni momento della giornata invogliano nuovi potenziali giocatori ad addentrarsi nel tunnel della ludodipendenza:  «Siamo sollecitati e incoraggiati da un pressing mediatico che lo Stato vergognosamente attua con degli spot e con una legislazione che consente la presenza di macchinette, slot e sale da gioco ad ogni angolo, bar e tabaccheria. Senza contare i luoghi in cui si gioca clandestinamente e i centri scommesse in cui senza alcun controllo e divieto concreti ragazzini di dieci anni ‘investono’ le proprie paghette e accumulano gruzzoli che ‘reinvestono’ in quello che è già un vizio». 

 A detta del consigliere, se prima non ci si veste dell’abito legislativo a propria disposizione per contrastare il gioco d’azzardo, resterà solo la retorica: «E io penso che ci siano amministratori locali, sindaci, nella nostra regione capaci e volenterosi. È a loro che rivolgo l’appello di utilizzare la legge che abbiamo approvato in Regione, ed applicarla con gli strumenti e regolamenti necessari. Lo chiedo in primis al sindaco della mia città, Barletta, Pasquale Cascella: che dia il buon esempio almeno per i comuni della nostra provincia .Bisogna far presto e incentivare possibilità e sbocchi occupazionali che tengano le persone lontano da macchinette, gratta e vinci, scommesse e compro oro».

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteBarletta News nell’edicola online
Articolo successivoAl vaglio della Giunta il programma per l’anniversario della Disfida
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here