Forse in arrivo liquidità per debiti settore sanitario

Caracciolo: “La Puglia inoltri richiesta alla Ragioneria Generale dello Stato entro il termine previsto del 31 Luglio, cosi si incoraggiano le imprese ridando fiato all’economia”.

Il Ragioniere Generale dello Stato con decreto n. 59700 del 15 luglio 2014, ha stanziato all’articolo 1 rubricato <<dotazione delle tre sezioni fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili>>, la somma di 800 milioni di euro per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti degli enti del Servizio Sanitario Nazionale.
Il decreto evidenzia come le risorse siano finalizzate alla concessione di anticipazioni di liquidità in favore degli enti territoriali, per il pagamento dei ‘debiti certi, liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2013, ovvero dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il predetto termine, nonché dei debiti fuori bilancio che presentavano i requisiti per il riconoscimento alla data del 31 dicembre 2013, anche se riconosciuti in bilancio in data successiva, ivi inclusi quelli contenuti nel piano di riequilibrio finanziario pluriennale, di cui all’articolo 243-bis del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, approvato con delibera della sezione regionale di controllo della Corte dei Conti’.
“Visto il termine indicato dal Ministero delle Finanze fissato per il 31 Luglio – sottolinea il consigliere regionale Filippo Caracciolo – la Regione Puglia si attivi immediatamente per avere accesso all’anticipazione. Infatti come specificato all’articolo 5 del Decreto n. 59700 del 15 luglio 2014 le Regioni interessate entro la data del 31 Luglio prossimo dovranno formalizzare un’apposita richiesta congiunta del Presidente e del Responsabile finanziario”.
“Le risorse – evidenzia Filippo Caracciolo – saranno disponibili da subito: il Ministero emanerà il nuovo Decreto entro l’11 Agosto con cui renderà nota l’anticipazione concessa ad ogni Regione. Nel corso della Conferenza Stato-Regioni del 6 agosto potrà essere individuata e discussa una modalità di riparto delle risorse diversa dal criterio proporzionale su cui si è basato il Ministero”.
“Il pagamento dei debiti sanitari della pubblica amministrazione – conclude il consigliere Filippo Caracciolo – è un segno dell’attenzione del Governo nei confronti dei problemi reali del Paese. La Regione Puglia non può perdere questa occasione. Diminuire i tempi di attesa nel pagamento dei debiti della pubblica amministrazione è utile ad incoraggiare le imprese ridando fiato all’economia”.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here