Foggia-Barletta, il derby del terrore. Cascella: “La violenza è da condannare”

«La violenza non è tifo, ed è sempre da condannare. Solidarietà agli agenti di polizia feriti durante gli scontri al termine della partita Foggia-Barletta. Non è tollerabile, né giustificabile, che una bella partita caratterizzata dalla correttezza del gioco e dalla lealtà tra le squadre in campo finisca nel sangue. Lo sport è un momento di sana competizione e socializzazione: come tale deve essere vissuto».

Sono queste le parole del sindaco Pasquale Cascella in seguito all’ondata di violenza che si è scatenata alla fine del derby Foggia-Barletta, terminato con la vittoria dei biancorossi (0-1) grazie alla rete di Floriano. In realtà i disordini e gli episodi di violenza si sono manifestati fuori e dentro lo stadio Zaccheria, ma soprattutto prima durante e dopo la partita, tant’è che ancor prima del fischio d’inizio gli agenti in tenuta antisommossa hanno dovuto utilizzare i lacrimogeni per placare gli animi delle due tifoserie animate da un antagonismo storico. Gli stessi agenti al termine della partita sono stati vittime di un agguato da parte di un centinaio di tifosi foggiani che hanno inveito contro di loro dando vita ad una vera e propria sassaiola. Molti gli agenti feriti, di cui cinque hanno subito avuto bisogno di cure mediche. Moltissime le macchine e gli autobus “ospiti” danneggiati. Il caos è degenerato a tal punto che sul posto sono dovuti intervenire Carabinieri, Polizia Municipale e Guardia di Finanza. La Digos ha poi tratto in arresto il trentottenne Alessandro La Torre e il trentunenne Giovanni De Sica, entrambi per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, danneggiamento e lancio di oggetti pericolosi. Altri tre tifosi rossoneri sono stati denunciati all’autorità giudiziaria in stato di libertà per reati connessi agli incidenti. Sottoposti a fermo d’identificazione altre cinque persone, per le quali verrà proposto il provvedimento Daspo.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteGioco d’azzardo: 460 attività controllate, 24.000 euro di sanzioni elevate solo nel 2014
Articolo successivoLa voglia di portare un sorriso a chi si sente solo
Giusy Del Salvatore
Giusy Del Salvatore è nata a Barletta nel 1987. Nella città pugliese porta avanti le sue attività di giornalista, blogger, copywriter, web marketing specialist e social media manager. Dopo la maturità classica conseguita presso il liceo classico “A. Casardi” di Barletta si è laureata in Editoria e Giornalismo presso l’Università degli studi di Bari. Successivamente ha frequentato il “First Master in Giornalismo", il master di “Formazione giornalistica ed editoriale”, il master in "Giornalismo Digitale" e il master in "Social Media e Digital Marketing". È appassionata di ecologia, salvaguardia animale/ambientale, poesia, letteratura, architettura, design, web e social media marketing. Ha iniziato a scrivere professionalmente occupandosi di cinema e spettacolo per la rivista Ecodelcinema mantenendo viva l'emozione della prima pubblicazione. È stata caposervizio del mensile ControStile, affrontando argomenti di ogni genere, realizzando interessanti interviste ed inchieste. Ha collaborato con il quotidiano d'informazione tecnologica HwGadget, con la rivista online LSD Magazine e con il settimanale TempoVissuto scrivendo articoli di approfondimento sociale. Nel 2012 con Aletti Editore ha pubblicato un libro di poesie intitolato "Chiamale come vuoi - Siamo solo poeti incompresi" riscuotendo discreto successo e vari apprezzamenti. Ha ricevuto molteplici premi e riconoscimenti in diversi concorsi poetici e letterari, pubblicando numerose poesie in antologie tematiche. Nel 2016 ha pubblicato la raccolta di poesie illustrate "Criptica come la Luna", edita da Alter Ego, finalista al Premio Carver 2016. È autrice dell’eco-blog Mela Verde News in cui e vengono trattati e approfonditi argomenti relativi alla sfera green. Attualmente è Direttore Responsabile di Barletta News e lavora come freelance per aziende e privati nell’ambito del web e social media marketing. In qualità di esperta coordina gli alunni del liceo scientifico Carlo Cafiero di Barletta nel progetto di alternanza scuola-lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here