Firmate dal sindaco le ordinanze per l’ottimizzazione dei servizi estivi e la valorizzazione del centro storico e della costa

Vivere la città d’estate nel rispetto delle regole di convivenza. In questo spirito sono state presentate le ordinanze per l’ottimizzazione dei servizi estivi e la valorizzazione del centro storico e della costa in un incontro a Palazzo di Città tra il sindaco Pasquale Cascella e gli assessori Giuseppe Gammarota e Michele Lasala con i rappresentanti delle associazioni di categoria locali (Fedele Boccassini, Palmino Canfora e Francesco Divenuto), alla presenza del comandante della Polizia Municipale Savino Filannino, del responsabile dell’Ufficio Traffico Francesco Attolico e del consigliere comunale Gennaro Calabrese. L’Amministrazione ha voluto, così, condividere oltre il percorso, anche la corretta applicazione dei provvedimenti adottati.

Nello specifico, tra le nuove misure per la vivibilità del centro storico da rendere compatibili con un adeguato sviluppo della economia cittadina, particolare rilevanza assume l’ordinanza che proroga la pedonalizzazione di via Carlo V d’Asburgo – Piazza Castello – via Mura San Cataldo e di corso Vittorio Emanuele dal lunedì al giovedì dalle 21.00 all’01.00 e nei giorni compresi dal venerdì al sabato e i festivi dalle 21.00 alle 02.00.

Sempre in tema di ampliamento delle aree pedonali, il varco di accesso alla controstrada del Lungomare Pietro Paolo Mennea, già istituita alla fine di giugno 2016, è stato dotato di segnaletica stradale complementare e, in particolare, di dispositivi  con apertura telecomandata e di fioriere provviste di analizzatore acustico per i servizi in emergenza, e di telecomando per l’accesso ai mezzi utilizzati in casi di particolari accertati bisogni, specificatamente autorizzati su richiesta e per il tempo strettamente necessari al servizio di assistenza, come quelli riguardanti i casi previsti dalla legge 104/1992 che, all’articolo 3, comma 3, sancisce: “Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l’autonomia personale, correlata all’età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità”.

Per la tutela della sicurezza urbana e della incolumità dei cittadini e dei turisti è stato poi disposto dalle ore 22.00 alle ore 6.00 il divieto di vendita per asporto su tutto il territorio comunale di qualsiasi tipo di bevande, anche alcoliche, in contenitori di vetro, da parte di esercizi e attività, compresi i distributori automatici,  i circoli privati e tutte le forme speciali di commercio in genere che consentano la vendita di bevande in vetro fatte salve quelle attinenti le consegne a domicilio. Si è altresì vietato consumare su suolo pubblico bibite di qualsiasi natura in contenitori di vetro, e abbandonare in qualsiasi orario, nelle aree pubbliche i contenitori di vetro o di altra natura.

Quanto alla regolamentazione delle emissioni sonori nei locali pubblici e negli stabilimenti balneari al fine di contemperare gli interessi commerciali con il diritto dei residenti alla quiete pubblica,  si è ritenuto di tenere conto della particolarità delle attività turistiche di agosto rispetto alle precedenti disposizioni riguardanti  la intera stagione estiva, si è ritenuto di ampliare l’orario massimo all’01.00 dal lunedì al giovedì, mentre il venerdì e nei giorni prefestivi e festivi alle ore 02.00, per  i pubblici esercizi del centro storico che abbiano adottato adeguati piani di contenimento delle emissioni sonore e garantiscano il rispetto dei limiti acustici fissati dalle norme nazionali e regionali della pressione sonora ponderata.

Sempre nel solo mese di agosto, le attività sulle litoranee che abbiano adottato adeguate misure di rispetto dei limiti acustici, potranno usufruire dell’orario massimo giornaliero alle ore 02.00.

La Giunta, in data odierna, ha approvato gli importi delle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni che vanno dai 250 euro per la il mancato rispetto della ordinanza per divieto di asporto di bevande in contenitori di vetro da parte dei titolari di qualsiasi attività economica nella fascia oraria 22.00-06.00, ai 300 euro per la violazione della ordinanza per la limitazione delle emissioni sonore da parte degli esercizi pubblici e degli stabilimenti balneari.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here