What’s UP? I film in uscita al cinema… dal 21 al 23 maggio (parte 1)

film in uscita

What’s UP celebra il ritorno in sala dell’amatissimo personaggio di Han Solo, nel titolo più attenzionato, dal grande pubblico, tra i film in uscita al cinema in questa prima parte di settimana. Occhio anche ai due interessanti documentari di seguito, con menzione speciale per Wonderful losers, oggetto di prestigiosi riconoscimenti internazionali. Buona visione!

Wonderful losers: A different world   (21 maggio)    primo film in uscita al cinema

Li dimentichiamo subito, i gregari. Tendiamo a tralasciarli, dietro le righe di quel grande racconto che si chiama Vittoria. Il ciclismo cela, nel suo antico fascino, il tripudio dell’individualismo, l’oblio per quel “gruppone” che crediamo non tagliare il traguardo, come accade invece in altri sport. Wonderful losers vuole essere un omaggio ai secondi, ai terzi, agli ultimi, a quegli atleti che non raggiungono le ambite “maglie” e forse nemmeno la gloria di una tappa, ma che percorrono le strade di una competizione per sostenere chi rappresenta la loro squadra. Senso del sacrificio, volontà, abnegazione; valori che, nel bel mezzo di una manifestazione importante come il Giro d’Italia, ci riportano al valore del “team”, al lavoro di squadra come mezzo per superare, sul piano metaforico, le avversità di ogni salita. Il documentario, girato dal regista lituano Arūnas Matelis, ha trionfato al Trieste Film Festival e al Festival internazionale del cinema di Varsavia, vincendo il premio di categoria. Al montaggio la promettente Mirjam Jegorov.

Kedi: la città dei gatti   (22 maggio)    secondo film in uscita al cinema

Il lungo rapporto tra la vecchia Costantinopoli (l’attuale Istanbul) e i felini non è stato segnato solo dal mutuo rispetto. Quello tra la popolazione della più importante e multietnica metropoli turca e i gatti è una vera love story, segnata, persino da un punto di vista architettonico, dalle caratteristiche porticine d’accesso agli stabili. I gatti, coccolati non solo dalla numerosa cittadinanza, ma anche dai turisti che vivono la loro presenza come un colorito e piacevole esempio di folklore locale, sono persino stati oggetto di iniziative istituzionali e religiose, volte a fornire loro rifugi e cibo. Ceyda Torun, nativa di Istanbul ma losangelina d’adozione, ha così scelto di raccontare la sua città d’origine attraverso una peculiarità preziosa e inusuale. Il film, che arriva nelle sale grazie a Wanted Cinema, può contare sulla vibrante fotografia di Alp Korfali e Charlie Wuppermann, che immortalano la magia dei vicoli della città turca in tutta la loro ancestrale bellezza.

Solo: a Star Wars story   (23 maggio)    terzo film in uscita al cinema

Cosa aspettarsi da Ron Howard alla guida di Solo: a Star Wars story? Innanzitutto un’attenzione spasmodica per la piacevolezza del narrato, affinché il risultato non si discosti nemmeno un attimo da quell’idea di “entertainment through the image” che anima il suo cinema fin dagli esordi. Chiacchierato, criticato, amato, detestato, Ron Howard è l’interpretazione perfetta del cinema al servizio della storia, del modus operandi di chi assembla i propri sforzi in un concerto finalizzato all’autoconclusività della trama. Nemmeno in Solo Howard riesce ad abdicare alla sua dolce ossessione per il confronto, concetto che nello spin-off dell’immortale saga di Star Wars si concretizza nel bisogno di Han di primeggiare, di servirsi delle sue abilità di pilotaggio e, ancora prima, della sua predisposizione innata (e coltivata) verso il furto e l’inganno. In Solo facciamo così la conoscenza del mentore di Han, Beckett. L’uomo, interpretato dal sempre carismatico Woody Harrelson, trasmette all’allievo tutti i “trucchi del mestiere”, istruendolo in un episodio che è divenuto, a tutti gli effetti, parte della mitologia dell’universo fantascientifico Lucas: la conquista del Millennium Falcon, in palio in una partita di Sabacc. Oltre a tutto questo, gli inizi dell’amicizia con il fido co-pilota Chewbecca. Nel cast troviamo Alden Ehrenreinch, nei panni dell’indesiderato attore Hobie Doyle in Ave, Cesare! dei fratelli Cohen, che ha conquistato il ruolo da protagonista sbaragliando una folta concorrenza e che dovrà fare inevitabilmente i conti con l’eredità pesante di Harrison Ford. Presenti anche Donald Glover – che nel The Martian di Scott ricorderete interpretare il giovane scienziato in grado di studiare una strategia di salvataggio per il personaggio interpretato da Matt Damon – Emilia Clarke, la splendida Daenerys di GoT, Paul Bettany e la simpatica Linda Hunt, che ritroviamo in sala, con estremo piacere, in un ruolo da “cattiva”.

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedente“Felicia (Frammenti di Felicia Impastato)” al Circolo Unione di Barletta
Articolo successivoElezioni Rinnovo del Collegio Geometri BAT 2018/2022
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here