What’s UP? I film in uscita al cinema dal 14 al 15 maggio (parte 1)

film in uscita

Nella prima parte di settimana cinematografica di What’s UP, ampio spazio per Deadpool 2. Tra i film in uscita al cinema anche una produzione indipendente come “They” e l’interessante esperimento dell’esordiente Giovanni Totaro con “Happy winter”. Buona visione!

Happy winter   (14 maggio)    primo film in uscita al cinema

Esordio nel documentario per Giovanni Totaro, che ritrae la società italiana attraverso quella palermitana, in una Sicilia che, nel capoluogo, ancora cela secondo il regista le difficoltà economiche sotto la coltre dell’apparenza. L’arrivo della stagione estiva e balneare coincide con la riproposizione di quella fiera del mostrare e dell’ostentare che porta alcune famiglie a far di tutto pur di pagare l’agognata “cabina” in uno dei lidi. Una di queste, pensa di emigrare in Svizzera. Non manca il barista che, in spiaggia, lavora sodo per assicurarsi una parziale copertura delle spese per le esigenze della stagione invernale. Presenti anche tre donne in cerca della tintarella perfetta, per essere sulla bocca di tutti. Il trentenne regista ha già riscosso diverse manifestazioni di approvazione col suo lungometraggio, che mescola realtà e un pizzico di finzione: il film, presentato fuori concorso alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia, ha vinto a Roma il MIA 2015, è stato premiato all’Hot Docs Forum 2016, ha ricevuto il Premio Atelier al Milano Film Network 2016, ed ha trionfato alla Festa do Cinema Italiano, festival del cinema italiano in terra lusitana.

Deadpool 2   (15 maggio)    secondo film in uscita al cinema

Dopo l’esilio volontario di Tim Miller, in seguito alle celebri divergenze in sede di sceneggiatura con la star assoluta Ryan Reynolds, perché proprio David Leitch alla regia di questo appetitoso sequel? Inutile negare il peso ricoperto dall’attore canadese, vero ago della bilancia dell’intera produzione targata Marvel (in quanto in parte produttore), che in più di un’occasione si è lanciato in personalissime valutazioni sulle future evoluzione del personaggio e sulle probabilità (molto basse) che Deadpool venga abbinato ad altri characters supereroistici (qualcuno ha detto Wolverine?) della Marvel Studios, oramai acquisita totalmente dalla Disney. Leitch, dal canto suo, è il prototipo del self made man hollywoodiano. Impegnato fin da giovane in ruoli da stuntman, il cineasta ha saputo rapire l’interesse dei grandi produttori statunitensi grazie ad un vero culto del gesto fisico nell’action: grandi budget, sì, ma anche estremo realismo nella riproduzione plastica del contatto tra gli attori, nello studio di una verosimiglianza nel movimento e nell’atletismo degli interpreti, come dimostrano titoli come John Wick e Atomica bionda. Nel film con Charlize Theron, inoltre, Leitch ha mostrato una maturità non indifferente nelle scelte grafiche, per un’identità stilistica forse ancora da definire, ma non priva di spunti di riflessione. Ecco perché l’universo tinto di dissacrante ironia dell’antieroe in tuta rossa può rappresentare un connubio perfetto tra un’attenzione professionale, e mai casuale, al profilo action e il “divertentismo” dietro la mdp. La sinossi rilasciata è chiara nel celebrare lo spirito sempre un po’ “sopra le righe” di questo film, che vedrà, almeno inizialmente, Wade Wilson opposto al soldato Cable: “Dopo essere sopravvissuto ad un infortunio quasi letale, un uomo lotta per realizzare il suo sogno di diventare il più famoso allevatore di Bulldog francese di Poughkeepsie e allo stesso tempo imparare ad affrontare una relazione aperta. Wade deve combattere contro un gruppo di ninja e fare da babysitter a un gruppo di altri personaggi mentre viaggia per il mondo per scoprire l’importanza della famiglia, dell’amicizia e trovare sbocchi creativi per la sua vita sessuale.” Nei panni di Cable troviamo Josh Brolin, ormai completamente immerso nel multiverso Marvel, dopo l’interpretazione convincente di Thanos in Avengers: Infinity War. Nel cast ritornano T.J. Miller, Brianna Hildebrand e Morena Baccarin, e c’è spazio anche per lo svedese Bill Skarsgård, che torna sul grandi schermi italiani dopo l’interpretazione del perfido pagliaccio IT per Andy Muschietti.

They   (15 maggio)    terzo film in uscita al cinema

Protagonista è il quattordicenne J, un ragazzo di Chicago in piena crisi di genere. J sta crescendo, ma la sua scelta lo pone in un limbo dal quale è difficile uscire. Solo la terapia di genere può segnare un definitivo allontanamento da quei dubbi che ne minano la serenità, la crescita e il rapporto con gli altri, ma, per arrivarci, J deve prendere una decisione che può segnarlo per sempre. L’avvicinamento alla pubertà, per questo, deve essere momentaneamente rallentato. In questo momento difficile, i genitori di J gli sono vicini, ma il ragazzo tende sempre più a precipitare in un isolamento caratterizzato dalla decisione di farsi appellare come “they”, “loro”, per una impossibilità in qualsiasi definizione che è il vero centro focale del film. Il film è diretto dalla regista iraniana Anahita Ghazvinizadeh e interpretato da Rhys Fehrenbacher.

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteCollettivi uniti per il poeta Jack Hirschman, giovedì 24 a Barletta
Articolo successivo
Michele Lasala
Michele Lasala è nato a Barletta l'11/6/1989. Ha conseguito la maturità scientifica nel 2010. Iscritto alla facoltà di Giurisprudenza, indirizzo d'impresa, é giornalista pubblicista dal 2016. Amante della lingua inglese, ha svolto un corso di Business English e possiede certificato Cambridge di livello B2. Nel 2016 consegue l'attestato Google: Eccellenze in digitale. Appassionato di Cinema e Poesia e scrittore a tempo perso, ha ricoperto il ruolo di responsabile della comunicazione presso NIDOnet e ne é attualmente addetto all'ufficio stampa. Dal Gennaio 2014 é redattore di cultura e spettacolo presso la testata telematica Barletta News.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here