Festival di Cannes 2017: per la 70° Edizione Nikole Kidman, Bella Hadid e Letitia Casta, belle più che mai

Il 17 maggio 2017 è iniziata la settantesima edizione del Festival Di Cannes e il famigerato red carpet è stato steso e ben sigillato per accogliere un mix di star internazionali. Monica Bellucci ha presentato la cerimonia d’apertura e di chiusura per tale evento e i Vip hanno sfoggiato (come sempre) dei look mozzafiato, almeno una buona parte di loro.

Alla prima di Les Fantomes d’Ismael, abbiamo visto sfilare vestiti bellissimi e indossati in maniera perfetta, come Bella Hadid che anche quest’anno è stata impeccabile elegante e sexy in un abito con uno spacco vertiginoso, ingentilito dal color rosa tenue di Alexander Vauthier Haute Couture. Lily Rose Depp, anche lei raffinata in una tunica greca, capo realizzato dalla sua fedelissima atelier Chanel, Eli Saab per Clotilde Courau casual e distinta anche lei e Susan Sarandon in Alberta Ferretti.

Ammaliante come sempre, Monica Bellucci non ha sfilato sul tappeto rosso ma è apparsa direttamente sul palco della cerimonia in un abito nero velato, firmato Christian Dior Couture stupendo gli ospiti con un sensuale bacio dato al presentatore Alex Lux. Invece per le serate successive, si è distinta da questa sua prima scelta in un lungo, aderente, dorato Chanel. 

Altro spicco di signorilità, quasi senza età, Uma Thurman in un rosa Versace molto chic si è aggiudicata un posto tra le più belle, anche per quanto riguarda l’altro outfit con il biker di pelle di Giuseppe Zanotti in quanto molto originale, sia per come è stato indossato e sia perché ha “spezzato” quell’estrema eleganza da galà restando comunque un completo adeguato all’occasione. Perfetta scelta per questi outifit, insieme ad un Versace dorato con frange, molto luminoso.

Marion Cottilard ha indossato un tubino nero Jean Paul Gaultier con un “sipario” sul davanti, nulla di entusiasmante come look a differenza della terza serata, dove ha sfoggiato un luminoso abito blu notte, con una scollatura a V ben definita dalla rigidità del tessuto, molto belle le scarpette effetto cenerentola.

Nicole Kidman raffinata per tutte le sue uscite, bellissimo l’abito dorato luminoso a frange di Michael Kors, forse simile a quello della Thurman. Diverso è stato tutù bianco imponente di Calvin Klain con un bustier black, semplice ed elegante e bella, romantica, fiabesca nella mise di paillette argentate con rouches in tulle di Rodarte.

Effetto nudo, dal tessuto al colore, per un Roberto Cavalli ornamentato da frammenti argento indossato da Izabel Goulart,  vedo non vedo nel Dior black per Letitia Casta e Charlize Theron, Eli Saab per Rita Ora in un nudo brillante piuttosto “arabeggiante” e stesso mood per Eva Longoria in Marchesa.

Un Cavalli piuttosto inaspettato, color nero, velato e molto raffinato per Andie Mac Dowel, Eva Erzigova in un lungo dorato ed infine Sara Sampaio in un abito in tulle con veli e voulant da trasparenze hot firmato Francesco Scognamiglio.

La sensualità è una dote innata che scinde dall’abito indossato come nel caso dell’abito di Elle Fanning, bellissima con il suo Gucci molto primaverile dalla fantasia “fresca” e impreziosito da fiori e foglie di alloro argentate, decisamente divina.                                                                                                                            Altro fiore all’occhiello è stata Kirsten Dust, aggiudicandosi tra le più “fiabesche” e delicate nel suo vestito in tulle celestino Shapparelli.

Chanel non solo per la bella Lili Rose ma anche per Julianne Moore, direttamente dall’ultima sfilata di Karl Langerfeld, ha sfoggiato un tubino chiaro, longuette, tempestato di perline e gemme luminose con piume all’altezza degli omeri.

Un Chanel “mal capitato” per Kirsten Stuart, come se non bastasse il look rasato color giallo canarino e con questo outfit ha letteralmente stroppiato un abito che andrebbe indossato in un altro modo e in un’altra un’occasione.

Errori di stile non solo per la Stuart, ma anche altri Vip hanno osato mood trascendentali come il Gucci arcobaleno indossato da Naomie Harris e dal vestito firmato Ermanno Scervino in una nuvola celeste indossato da Laura Lieto.

Bisogna ricordarsi sotto quali riflettori si è destinati a splendere perciò è opportuno calibrare le proprie scelte di stile poiché facile perdersi per poco, come nel caso del lungo strascico del vestito di Kendall Jenner di Giambattista Valli imponente, bianco e lungo “quasi più della muraglia cinese”.

Anche Armani privé ha “peccato” con la tuta lilla jumpsuit indossata da Sara Sampaio, pesantiquei maxi volant e pump dall’ effetto rinascimentale.

Palma d’oro maschile invece per Colin Farrel, Jake Gyllenhaal, Will Smit e Dust Hoffman. Chopard e Bulgari per la maggior parte dei gioielli indossati dalle star e la reginetta di tutte, indiscutibilmente; è stata Letitia Casta in un abito lungo di Saint Lourent, velluto nero, piuttosto severo, con uno spacco vertiginoso profilato tipo cerniera e quasi ipnotico.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here