Facebook, Wired Usa annuncia la crisi del social network

Barlettanews- Facebook- Zuckerberg

Facebook continua a perdere utenti. Guai in vista per Mark Zuckerberg?

Anni bui per il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, perlomeno stando a quanto annunciato da Wired Usa. 

La rivista americana che ha dedicato la sua immagine di copertina al fondatore del Social Network per eccellenza, ha scritto: “Mark Zuckerberg le ha prese”. L’articolo, firmato da Nick Thompson e Fred Volgestein , evidenzia la crisi che sta attraversando Facebook a partire dagli ultimi due anni (qui il link del pezzo). L’inchiesta, resa possibile grazie alle interviste compiute a cinquantuno persone, sembrerebbe non lasciare scampo alla piattaforma. 

Il social network è finito sotto i riflettori per delle questioni legate all’importanza che ottiene nell’opinione pubblica. Ogni qualvolta che un contenuto viene pubblicato, Facebook se ne deve assumere la responsabilità. L’accusa mossa ai danni del social network è stata quella di controllare l’informazione a proprio piacimento.

Nello scorso maggio, infatti, Gizmodo (un blog per la tecnologia di consumo), accusò il social di manipolare le notizie di stampo conservatore. Zuckerberg riuscì ad arginare il problema  incontrando alcune voci del partito repubblicano e aggiornando la sezione Trending. In questo modo ha permesso la circolazione delle notizie di qualsiasi genere e partito politico. Questo episodio dello scorso maggio, sembrerebbe essere solo la punta dell’iceberg.

Sono sempre meno gli utenti social che decidono di iscriversi su Facebook

Facebook inizia a perdere gli utenti: dopo la fuga di 2,8 milioni di persone perse nel 2017, l’istituto di ricerca eMarketer ha ipotizzato che, solo quest’anno, ad abbandonare il social nato nel 2005 saranno in 2 milioni di under 24. Le previsioni continuano:  Per la prima volta nella storia, sarà meno della metà dei 12-17enni americani ad accedere al social network almeno una volta al mese. Anche le nuove iscrizioni saranno ridotte: tra gli 11enni il numero delle iscrizioni scenderà del 9,3 per cento, quello dei 12-17enni del 5,6 per cento e quello dei 18-24enni del 5,8 per cento. Queste iscrizioni si riverseranno su altri social network che stanno prendendo piede in questi anni: Instagram (proprietà di Facebook) e Snapchat, social fondato sa Kevin Systrom ,pronto ad accogliere 1,9 milioni di giovani.

L’azienda di Mark Zuckerberg  sta cercando di arginare le catastrofiche previsioni attraverso delle modifiche all’interno del social stesso. Le strategie prevedono come obiettivo finale la fiducia dell’utente. Per fare ciò, Facebook sta puntando all’investimento sui gruppi ( a breve  il pulsante Downvote per segnalare i commenti inappropriati ), alle misure per contrastare le fake news e all’organizzare in modo diverso la presenza delle notizie nella home page.

Sarà l’inizio della fine o le nuove strategie riusciranno a far tornare ‘agli antichi splendori’ il social network più amato? La risposta, al momento, non la conosce nessuno.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here