Oggi non esiste abitazione in cui manchi un elettrodomestico poiché tutti ormai hanno acquisito l’abitudine di alleggerire le proprie mansioni domestiche grazie alle molteplici invenzioni dell’uomo da cui si può trarre un gran beneficio come: dalla scopa elettrica, la macchina del caffè, il famosissimo robot da cucina multifunzione e tanti altri oggetti di alta tecnologia.

E’ certamente una comodità soprattutto per chi lavora e ha i tempi ristretti o concentrati durante la propria giornata. Bisogna però considerare che anche la comodità, come tutto, ha bisogno di manutenzione e alcuni classici elettrodomestici, presenti nelle nostre case da sempre, necessitano cure più di altri.

Ci riferiamo ai classici elettrodomestici che non possono assolutamente mancare nella propria casa tipo: il frigo, la lavastoviglie, il forno, il forno a microonde e la lavatrice.

Secondo un’allarmante sondaggio britannico condotto da un rivenditore specializzato, si rivela che il 71% degli abitanti britannici non pulirebbero regolarmente gli oggetti di cui si fa uso ogni giorno, come quelli appena elencati.

Questo è un gran bel problema perché significa che questi elettrodomestici possono diventare un terreno fertile per varie tipologie di germi, causando la proliferazione di batteri e funghi tossici che possono provocare una serie di patologie e infezioni.

Per risolvere il problema alla radice bisognerebbe avere cura giornalmente dei propri dispositivi, basterebbero solo stracci, acqua e disinfettanti. Pulendo tutti i giorni non ci ritroveremo davanti a situazioni perditempo e piuttosto sgradevoli per la propria salute. 

Vediamo un po’ a quali rischi si andrebbe incontro senza una pulizia corretta e costante:

Il frigorifero

Partiamo dal frigorifero, diversi studi hanno evidenziato che batteri come E.coli o salmonella potrebbero annidarsi nel frigorifero, specialmente nel cassetto della frutta e negli avanzi di cibo.

Come pulirlo? Semplice! Come già detto bisogna essere costanti, dare una passata settimanale ai ripiani e una volta ogni tre settimane pulire con un detergente specifico e acqua calda. 

Il forno e microonde

Passiamo ora al forno, bisogna sapere che l’accumulo di grasso e sporcizia si accumula principalmente sulla maniglia perché uno studio rivela che si accumulano più germi su di essa che sulla tavola del wc. Stesso discorso per il microonde con cui spesso si è abituati a scongelare cibo come la carne.

Come mantenere una corretta pulizia? Come sempre costanza e almeno una volta al mese una pulizia più profonda con detergente, con un antimicotico e acqua bollente.

La lavatrice 

E. Coli e stafilococco aureo sono decisamente i batteri più frequenti che possono annidarsi nelle proprie lavatrici, sopratutto dopo lavaggi a basse temperature privi di candeggina poiché permetterebbe ai germi di vivere all’interno della lavatrice.

Per mantenere una corretta pulizia l’importante è disinfettare ogni mese la nostra lavatrice e se dovesse emanare cattivi odori è il caso di anticipare la sanificazione. Importante è estrarre il cassetto, dove solitamente versiamo il prodotto per procedere al lavaggio, immergerlo in acqua calda, disincrostare la possibile muffa e sporcizia che si deposita, riporlo e far fare alla lavatrice un ciclo a vuoto, possibilmente con acqua bollente e dopo asciugare per bene il cestello, sopratutto la guarnizione.

La lavastoviglie

Nonostante la temperatura dell’acqua usata per i lavaggi nella lavastoviglie, resta il problema del possibile annidamento di germi e, in questo caso specifico, i più comuni e frequenti che possono proliferare sono: pseudomonas e acinetobacter, molto rischiosi per persone con un sistema immunitario piuttosto basso.

Come pulirla: la prima cosa da controllare è lo scarico, perché bisogna sapere che i residui di cibo possono bloccare il flusso dell’acqua e questo unito al calore dell’umidità può causare la formazione della muffa; in ogni caso lo scarico andrebbe rimosso e pulito con uno spazzolino da denti, magari con un detergente liquido disinfettante e far scorrere tanta acqua al fine di eliminare eventuali depositi. Questo va fatto costantemente, invece una volta al mese per una pulizia più approfondita dell’elettrodomestico l’ideale sarebbe piazzare una tazza di aceto all’interno e far partire un lavaggio a vuoto alla massima temperatura. 

 

 

 

 

 

Commenta questo articolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteConsigliere comunale Rocco Dileo su mancata elezione del presidente del Consiglio
Articolo successivo
Francesca Soricaro
Francesca Soricaro nata a Manfredonia nel 1986. Ha conseguito la maturità in "ragioniere e perito commerciale" nell'anno 2005 e subito dopo è entrata nell'azienda di famiglia. Da sempre ha la passione per l'arte declinata in tutte le sue sfumature, per la tecnologia, il disegno artistico e digitale, musica e moda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here