Educare i giovani alla legalità significa combattere l’indifferenza e il compromesso

scuola- barlettanews

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti umani fa appello a tutti i rappresentanti del Parlamento italiano ed a tutti gli esponenti delle associazioni culturali, dei sindacati e fondazioni, affinché la proposta di inserire in ogni scuola di ogni ordine e grado del Centro Sud, in fase di Mobilità, un docente della classe di concorso A046 (ex A019) – discipline giuridiche ed economiche – nel sistema educativo italiano trovi un esito positivo. L’utilizzazione nella scuola secondaria di primo grado come organico di potenziamento socio economico e per la legalità ha sollevato, nel corso dell’anno scolastico 2015/2016, questioni assai importanti, relative alla cittadinanza attiva e democratica, alla valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, come prevenzione di fenomeni terroristici, al rispetto delle differenze e al dialogo tra le culture, alla sostenibilità ambientale dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali, basi fondamentali per lo sviluppo della persona.

Non esiste società civile in cui il tema della legalità non sia promosso, divulgato e trasmesso. Soprattutto nelle aree più critiche del Mezzogiorno, laddove la percezione dello Stato è assai flebile e rapporti viziati dal clientelismo dilagante e dagli affari illeciti costituiscono sovrastrutture tossiche, il cui esito finale è lo smantellamento della norma giuridica e del progresso.

Educare alla legalità i giovani significa pertanto combattere “l’indifferenza, il compromesso morale, la contiguità, la complicità” in semplici parole contrastare le organizzazioni criminali (mafia, ndrangheta e camorra).

L’emorragia delle forze buone deve essere arrestata: lo spopolamento, l’indebolimento del tessuto sociale, lo smembramento delle famiglie, l’emigrazione consegnano il territorio all’antistato.

Difendere la legalità vuol dire piantare i semi della giustizia, della libertà, dell’onestà, della rettitudine in una società sempre più multietnica e complessa; vuol dire, anche, fare in modo che il concetto di Stato, nel suo significato e ruolo istituzionale più alti, sia tutelato, difeso e rispettato con scrupolo, quasi religioso, da ciascuno di noi; significa infine stimolare sempre più ognuno ad adempiere al proprio dovere e a maturare una solida coscienza civica. Tutto ciò dovrebbe, come è risaputo,  costituire l’unica forma comportamentale ammessa e riconosciuta sin dalla più tenera età. L’opportunità di poter incidere sul nostro tessuto sociale in modo positivo potrebbe non ripresentarsi; la coscienza di ciascuno è chiamata in causa per trasformare la realtà attuale.

“Fenomeni come l’espansione della criminalità, nelle sue espressioni economiche e finanziarie, e la piaga della corruzione, da cui sono affette anche le democrazie più evolute possono trovare un argine efficace. È necessario intervenire non solo nel momento repressivo, ma anche in quello educativo, rivolto in modo particolare alle nuove generazioni, offrendo un’antropologia e un modello di vita in grado di rispondere alle alte e profonde ispirazioni dell’animo umano” (Papa Francesco)

 

prof. Romano Pesavento
Presidente Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here