E…state fashion 2015!

http://www.verycool.it/2014/09/24/mmd-pe-2015-roberto-cavalli/

Nonostante la primavera sia tanto birichina e capricciosa per il suo clima altalenante, le passerelle hanno già da un po’ rivelato la nuova collezione primavera/estate 2015. L’attesa per fortuna sta per finire e il desiderio di indossare e clonare le nuove eclettiche tendenze si fa sempre più viva. Ladies and gentlegirls, vediamo assieme cosa ci offre questa magnifica seppur breve stagione!

Partendo dal look sono lieta di annunciarvi il ritorno degli anni ’70: jeans a zampa, slanciati, abbinati con zeppe e sandali, si sposano con la pelle scamosciata dei gilet, giacche e pantaloni, donandoci l’intramontabile stile hippie tra colori e fantasie di un’epoca così rivoluzionaria. E’ facilissimo innamorarsi di Gucci con la sua nuova collezione che richiama questo stile con un tocco personale e moderno: basti pensare che la sua testimonial è Lykkie Li!

A seguire abbiamo lo stile etnochic con long dress e spacchi vertiginosi che creano uno stile gipsy ma di classe e in questo Roberto Cavalli regna in assoluto. Invece il colore must-have della stagione, presente in tutti i capi e in tutte le sue tonalità è il colore del sole, il giallo. Ovviamente con lo sbocciare della primavera non possono non sbocciare i fiori sugli abiti, simbolo di femminilità e romanticismo ma rivisti in chiave pop, fluo e geometrico. Lo stesso vale per gli abiti in tulle dai colori pastello: queste scelte stilistiche ci proiettano con l’immaginazione in un quadro botticelliano. Righe e quadri viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda: che siano bicolor o multicolor, entrambi portano la novità di nuove direzioni e di tutti i spessori.

Continua il successo degli oblò e di piccole nudità nei punti meno pensabili ma che lasciano il segno, o meglio l’effetto. I punti strategici sono fianchi, omeri, petto, addome e i vari punti della schiena. Anche il tutone torna alla ribalta specie quello da meccanico. Ebbene si! Le famose salopette da officina diventano di sera trendy e innovative nei loro svariati modelli, lasciando posto a quelle più glamour e classiche. Il denim diventa capo sovrano di un intero outfit così da poterci sbizzarrire di più con scarpe e accessori.

Anche il make up è un rifacimento di tecniche già ben presenti: l’eyeliner è rock, sixties/seventies, bold, reverse ma spieghiamoci meglio: può essere sia una linea dritta sotto la rima inferiore e sia una linea sottile e spessa sulle palpebre; lo smokey eyes diventa più sfumato e prende tutte le zone dell’occhio. E perché non creare un crossing-over di queste due tecniche? Il risultato è un volto di donna spaziale e futurista, giocando anche molto a livello cromatico, dal colorful al nude e al bianco. Le labbra si tingono, invece, di rosso scuro, rosa confetto e delle svariate gradazioni del corallo. Invece la nailart è del tutto all’avanguardia: la french manicure inversa è la nuova tendenza. Il bordo che fa da contrasto è la parte inferiore dell’unghia e non più quella superiore! I colori variano anche qui dai pastelli ai nude ma con l’effetto bagnato oppure base opaca e design lucido...il tutto a “portata di mano”.

Pronte per la prova costume? Se non lo siete ancora “scoprite” come essere trendy in spiaggia mentre state prendendo la tintarella o vi rilassate con libri e musica. Il beachwear segue le tendenze degli outfit elencati sino ad ora: il geometrico vintage e i paesaggi floreali e naturali di vario tipo sfociando anche su fantasie esotiche e selvagge. Lo stile avant-garde del make up lo ritroviamo nei costumi da bagno con texture metalliche e laminate. Mentre le novità sono le seguenti: i costumi olimpionici e usati dalle nuotatrici professioniste diventano più glamour e colorati con bordini neri o bianchi mentre per quanto riguarda i modelli, (ri)troviamo lo slip a vita alta delle pin up anni ’50, ideali per le donne formose. Non dimentichiamoci, infine, di completare la mise con un pareo, kaftano o minidress leggero e trasparente, possibilmente in pendant con il costume perchè quando arriva l’ora degli happyhours in spiaggia o dei cocktails a bordo piscina…no chic no party!

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here