Discariche in città – La proposta di Dario Damiani

La problematica sollevata in queste ore dall’associazione provinciale ambientalista Ekoclub, documentata con immagini fotografiche eloquenti scattate dalle Guardie volontarie, ripropone fortemente in città la questione del servizio di raccolta differenziata e delle discariche a cielo aperto lungo le strade cittadine secondarie stracolme di rifiuti. Nonostante gli interventi di pulizia effettuati dalla Barsa il problema si ripresenta dopo solo poche ore. Allora cosa fare? Come risolvere il problema? Sarebbe opportuno, a mio avviso, affrontare la questione partendo da un dato: quanto costano ai cittadini gli interventi straordinari di pulizia? E’ su questo fronte che l’amministrazione comunale deve dare risposte appropriate, trovare soluzioni alternative al problema. È utile continuare a buttare soldi pubblici in questo modo, considerato che dopo poche ore l’inciviltà si ripresenta come e più di prima? Da più parti arrivano contributi, proposte e soluzioni come il controllo del territorio ad esempio attraverso sistemi di Videosorveglianza, che sicuramente sono utili ma forse non sufficienti; piuttosto, servirebbe anche il presidio di queste strade attraverso un servizio concordato proprio con le associazioni ambientaliste.

La proposta che intendo formulare all’Amministrazione, infatti, è proprio questa: sottoscrivere una convenzione per servizi di volontariato con le associazioni ambientaliste cittadine, già iscritte in un apposito albo di coordinamento provinciale riconosciuto dalla Regione Puglia, ai cui aderenti è già stato rilasciato dalla Provincia un tesserino di riconoscimento in qualità di “guardie volontarie”, con le quali effettuare controlli sul territorio ed identificare quei soggetti che degradano l’ambiente abbandonando abusivamente i rifiuti, per poi procedere ad elevare salate contravvenzioni. Solo così, coinvolgendo direttamente le associazioni già impegnate con i propri volontari, persone che hanno anche effettuato dei corsi specifici, si potrebbe attenuare questa inaccettabile abitudine, risparmiando al tempo stesso anche ingenti risorse economiche pubbliche: di sicuro tale servizio svolto con il supporto delle associazioni di volontari costerebbe molto molto meno di ciascuna pulizia straordinaria effettuata dalla Barsa.

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here