L’assessore Di Gioia incontra il Ministro dell’Agricoltura albanese

Di Gioia -barlettanews

L’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, ha infatti incontrato venerdì sera, presso il Palazzo della Presidenza della Regione Puglia, il ministro e il vice ministro dell’Agricoltura albanese, rispettivamente Niko Peleshi e Dhimo Kote, insieme a una delegazione governativa dello stato Albanese, in Puglia fino a ieri, domenica 5 novembre.

Prosegue quindi con profitto la strada degli incontri istituzionali tra la Regione Puglia e l’Albania

“È stato un incontro proficuo, quello con il ministro albanese, cui ho naturalmente portato il saluto del presidente Emiliano – ha dichiarato l’assessore Di Gioia, ai margini dell’incontro –. Un’occasione per rafforzare i legami bilaterali e presentare, a grandi linee, lo stato dell’arte di un settore strategico, ovvero quello agricolo, per la nostra regione e per l’Albania. La delegazione albanese guidata dal ministro dell’Agricoltura ci ha dimostrato chiaramente la volontà di avviare sinergie con la Puglia. In questi giorni, tra le altre cose, avranno modo di conoscere direttamente le peculiarità del nostro territorio rurale, guardando da vicino alcune delle realtà imprenditoriali pugliesi che contribuiscono a rendere la Puglia tra le più importanti in Italia e in Europa nel settore agroalimentare. La nostra regione, difatti, ha una fortissima capacità produttiva in termini di quantità ma anche di qualità. Ed è questo il valore aggiunto che possiamo trasferire nei Paesi del Mediterraneo.

Innovazione e ricerca sono – ha continuato Di Gioia – la strategia possibile per sostenere e affiancare lo sviluppo agricolo albanese, nel caso specifico. Abbiamo, altresì, valutato la possibilità di organizzare una delegazione di produttori pugliesi in Albania, al fine di promuovere e incentivare un mutuo scambio di know how e di competenze professionali. La Puglia ha tutti i requisiti per essere un  modello di innovazione in agricoltura. E ciò che abbiamo da offrire oggi è, di sicuro, una collaborazione in termini di innovazione e, appunto, sperimentazione e ricerca in ambito agricolo e agroalimentare”.

 

Commenta questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here